Cosa è il “Titolo” nei filati

Il titolo dei filati, non è il titolo come il titolo di un libro o il titolo di un film, ma è quel numero che determina la finezza, la grossezza del filato, e può essere molto utile per scegliere il tipo di filato da usare per fare un determinato lavoro.

La struttura del filato è tendenzialmente cilindrica, quindi potremmo pensare di utilizzare il diametro come riferimento per misurarne lo spessore. Un filato però pone un inconveniente per cui risulta impossibile utilizzare uno strumento di misurazione (come ad esempio il calibro), la sua morbidezza e la sua elasticità; questo ha portato a dover pensare ad un altro tipo di riferimento.

Tu sai come si calcola il titolo nel filato?

Sai come determinare la finezza del filato in base al titolo?

Se vuoi saperne di più su queste nozioni scarica il Corso Base sui Filati, è GRATIS, leggi la pagina che trovi cliccando qui.

www.hircusfilati.com

Sai cos’è e a cosa serve il “titolo” nei filati?

Iniziamo con l'introdurre le caratteristiche principali dei filati.

Le caratteristiche fondamentali dei filati sono la torsione, l'uniformità dello spessore, la tenacia e allungamento ed il titolo.

La torsione dei filati si determina in torcimetri. La torsione può essere a destra (Z), o a sinistra (S).

I filati si dicono a capo unico, quando sono formati da un solo filo o ritorti quando sono formati da una torsione di più fili (o capi).

L'uniformità di spessore si può vedere avvolgendo un filato su un pezzo di cartone di colore diverso rispetto a quello del filato. L'occhio apprezza le eventuali differenze di grossezza.

La tenacità o resistenza meccanica si determina con i dinamometri, apparecchi che consentono di stabilire la resistenza del filato prima di rompersi e l'elasticità.

Vediamo in dettaglio la titolazione dei filati.

Il titolo dei filati è la notazione convenzionale riferita alla finezza, cioè allo spessore.

La struttura del filato è tendenzialmente cilindrica, quindi potremmo pensare di utilizzare il diametro come riferimento per misurarne lo spessore. Un filato però pone un inconveniente per cui risulta impossibile utilizzare uno strumento di misurazione (come ad esempio il calibro), la sua morbidezza e la sua elasticità; questo ha portato a dover pensare ad un altro tipo di riferimento.

Le uniche due misurazioni che è possibile effettuare su un filato sono quelle relative alla sua lunghezza (L) ed al suo peso (P); il rapporto fra queste due grandezze prende il nome di Titolo (T).

I sistemi di titolazione sono due:

1. Titolazione per lunghezza: Rappresenta il rapporto fra la lunghezza ed il peso. In questo sistema, più alto è il titolo e più elevata è la finezza, per esempio un titolo Nm. 4000 sarà più fine di un titolo Nm. 2000 ed un titolo 2/60000 sarà più fine di un titolo 2/28000. A questo sistema di titolazione appartiene il titolo metrico (Nm) ossia il numero di matassine di 1000 metri costituenti 1 kg. Viene usato per la lana in particolare.

Per il cotone si usa il titolo inglese che considera la lunghezza di 840 yards (pai a 768 metri) e la libbra (pari a 453,6 grammi). Per il lino, la canapa e la juta il metodo inglese ha come base 300 yards (247 metri) e una libbra.

                         L
                T = ——
                         P

Questo è il metodo attualmente più usato, è il metodo che troverai sui titoli dei nostri filati, ed è il metodo più diffuso e conosciuto in Italia, al quale ti consiglio di fare maggiore riferimento e di imparare.

Per semplificare il calcolo, nella misurazione dei titoli Nm. sappiamo che il titolo Nm 2000 corrisponde ad un filato la cui lunghezza è 2000 metri in 1 kg di filato. Mentre nei titoli dei filati ritorti si utilizza dividere il denominatore per il numeratore, per esempio in un filato titolo 2/28000 per ottenere i metri di filato contenuti in 1 kg si divide: 28000 : 2 = 14000 metri in un kg di filato, da qui è facile ottenere i metri in un gomitolo o di una matassa per esempio di 100 grammi.

Il titolo del filato può darci anche delle indicazioni per stabilirne la finezza della macchina o il numero di ferri da usare per la lavorazione.
Sappiamo per esempio che un filato titolo 2/28000 si può utilizzare sulla macchina finezza 12 a un capo o sulla macchina finezza 7-8 a due capi, o con i ferri numero 2,5/3 a due o tre capi, ed un filato Nm 2800 si può lavorare con i ferri 3,5-4 o uncinetto 3-3,5. Ma questo è relativo, in quanto vanno considerati sempre il tipo di filato (fibra) utilizzato, il modello che si intende realizzare, e per i filati da macchina il tipo di macchina, e per i filati da aguglieria la mano della persona che realizza il capo.

2. Titolazione per peso: Rappresenta il rapporto tra il peso e la lunghezza. In questo caso più alto è il titolo, maggiore è la grossezza del filato. Con questo metodo di titolazione si ha il titolo legale, espresso in denaro (0,05 grammi) e la lunghezza di 450 metri. Viene usato per la seta e tutte le fibre artificiali e sintetiche.

                         P
                T = ——
                         L

Oggi, l'organizzazione internazionale di unificazione ha sostituito i due sistemi di titolazione suddetti con il metodo TEX, che ha come peso il grammo e come lunghezza 1000 metri, e da questo derivano:

Il multiplo KiloTex – 1000 TEX
Il sottomultiplo Millitex – 0,002 TEX

                     P(gr)
                Tex = ———
                     L(Km)

Il titolo è sempre riferito ai filati semplici, nei filati ritorti il titolo si esprime con una frazione (esempio: 30/2, 50/2, 60/3, ecc.)
Analogamente esistono sistemi di numerazione diversa che si differenziano rispetto alle unità di misura messe in rapporto. I numeri maggiormente utilizzati sono il Nm (Numerico metrico) che mette in rapporto 1 metro di filato su 1 grammo, di cui abbiamo già parlato; il Nec (Numero inglese del cotone); l’Nel (Numero inglese del lino); l’Np (Numero pratese).

Il Tex dovrebbe rappresentare il titolo universale con cui indicare lo spessore dei filati, ma nella realtà non è sempre così (è utile però per quanto riguarda i calcoli di produzione).
Il Td è particolarmente usato per i filati di seta, le fibre tecnologiche o le singole fibre in genere.
Il Np si utilizza per la titolazione dei filati di lana cardata (in uso solamente a Prato).

Il titolo dei filati ritorti con fili di diverso titolo, viene espresso indicando al numeratore il titolo del filato più grosso ed al denominatore il titolo del filato più sottile.

Qui di seguito una tabella di conversione dei vari titoli:

www.hircusfilati.com

Come Calcolare la Quantità di Cashmere per un Lavoro a Maglia – II Parte: Sciarpe e Stole

Prima di leggere il post di oggi, Ti consiglio di leggere questo (è la prima parte dell’argomento di cui parlerò di seguito).

Hai già sicuramente notato che molto più importante del peso è il metraggio del filato. Quando qualcuno mi chiede: “quanta lana devo comprare per fare una sciarpa?”, non so rispondere. Tutto dipende dal tipo di lana, soprattutto dal titolo del filato. Un gomitolo di 50 grammi potrebbe avere approssimativamente da 30 a 300 metri di lunghezza. Quello da 30 metri sarà molto grosso, quello da 300 metri molto sottile.

In questo post Ti voglio aiutare semplificando i calcoli.

La tabella che vedi sotto indica approssimativamente quante maglie ci sono nel campione di 10 cm di maglia rasata e quanti metri di filato serviranno per fare una sciarpa oppure una stola.

Ti ricordo che questi numeri rappresentano una media: chi ha “la mano stretta” avrà più maglie, chi ha “la mano lenta” potrebbe averne di meno.

Approssimativo numero di maglie

in 10 cm

(maglia rasata)

Sciarpa piccola

15 x 100 cm (circa)

Sciarpa grande

25 x 140 cm (circa)

Stola

50 x 280 cm (circa)

12 (ferri 9 – 11)

104 metri

243 metri

486 metri

16 (ferri 7 – 9)

148 metri

344 metri

688 metri

20 (ferri 5 – 7)

186 metri

434 metri

868 metri

24 (ferri 3 – 5)

264 metri

614 metri

1228 metri

28

290 metri

676 metri

1352 metri

Ovviamente, questo calcolo dovrà essere modificato in quanto si basa su un campione di maglia rasata. Le sciarpe e le stole, di solito, si fanno con punti più elaborati che richiedono più filato.

Quindi se scegli i motivi più complessi (per esempio trecce oppure costa inglese), dovrai aggiungere il 10 – 15% di filato.

Visitando il sito Hircus Filati, troverai un’informazione che riguarda il metraggio del filato che è in vendita. Spero che ora sarà più facile prendere la decisione che riguarda il tuo acquisto.

So che cosa mi vorresti chiedere: “e se anziché una sciarpa volessi fare un cappello, oppure i guanti, oppure un maglione, quanto cashmere mi servirebbe?” Te ne parlerò nei prossimi post.

E intanto voglio ritornare alla sciarpa. Si sta avvicinando il periodo delle feste natalize e dei regali.

Quante persone non sanno cosa regalare a un uomo???? Eh, già, non è facile. E’ decisamente più facile scegliere un regalo per una donna :-).

Ti propongo una cosa classica, che sarà molto preziosa: una sciarpa di cashmere (puro oppure misto) realizzata da te. Chi la indosserà la apprezzerà sicuramente.

Non è facile trovare un motivo originale per una sciarpa da uomo. Di solito si usano: varie coste, maglia legaccio, a volte la grana di riso…

Ti propongo due motivi, uno facile per i principianti e l’altro un po’ più complesso nell’esecuzione.

Se vuoi aggiungere un tocco di eleganza esegui i bordi a tubolare (vedi campioni sotto).

Campione 1

è composto da strisce di maglia legaccio a diritto, alternate a strisce di maglia legaccio a rovescio.

Il numero di maglie da avviare deve essere divisibile per 20 + 10 (per l’ultima striscia) + 6 (per 2 bordi a tubolare).

1 striscia di 10 maglie a legaccio è pari a 5 cm circa (ferri numero 4 – 4,5).

1° ferro: 3 dir., *10 dir., 10 rov.*, ripetere da * a *, 13 diritti

2° ferro: 3 rov., *10 dir., 10 rov.*, ripetere da * a *, 10 dir., spostare le ultime 3 maglie sul ferro destro senza lavorare, lasciando il filo davanti

3° ferro: 3 dir., *10 dir., 10 rov.*, ripetere da * a *, 10 dir., spostare le ultime 3 maglie sul ferro destro senza lavorare, lasciando il filo dietro

4° ferro: 3 rov., *10 dir., 10 rov.*, ripetere da * a *, 10 dir., spostare le ultime 3 maglie sul ferro destro senza lavorare, lasciando il filo davanti

Ripeti il 3° e il 4° ferro.

Campione 2

è composto da strisce di legaccio a diritto, alternate a strisce di costa inglese.

Avvia 40 maglie (ferri numero 4 – 4,5)

1° ferro: 3 dir., * striscia di 8 maglie a legaccio (= 8 dir.), 1 dir., 1 rov., 1 dir., 1 rov., 1 dir.,* ripetere da * a * , striscia di 8 maglie a legaccio (= 8 dir.) , 3 dir.

2° ferro: 3 rov., * striscia di 8 maglie a legaccio (= 8 dir.), 1 rov., 1 dir., 1 rov., 1 dir., 1 rov.,* ripetere da * a *, striscia di 8 maglie a legaccio (= 8 diritti), bordo tubolare (spostare le ultime 3 maglie sul ferro sinistro senza lavorare, lasciando il filo davanti

3° ferro: bordo tubolare (3 dir.), * striscia di 8 maglie a legaccio (= 8 dir.), striscia di 5 maglie a costa inglese (= lavorare tutte le maglie diritte (3) entrando con il ferro nella maglia diritta sotto quella che si trova sul ferro, le maglie rovesce si lavorano a rovescio)*, ripetere da * a *, striscia di 8 maglie a legaccio (= 8 dir.), bordo tubolare (spostare le ultime 3 maglie sul ferro sinistro senza lavorare, lasciando il filo dietro)

4° ferro: bordo tubolare (3 rov.), *striscia di 8 maglie a legaccio (= 8 dir.), striscia di 5 maglie a costa inglese (= lavorare tutte le maglie diritte (2) entrando con il ferro nella maglia diritta sotto quella che si trova sul ferro, le maglie rovesce si lavorano a rovescio)*, ripetere da * a *, striscia di 8 maglie a legaccio (= 8 dir.), bordo tubolare (spostare le ultime 3 maglie sul ferro sinistro senza lavorare, lasciando il filo davanti)

Ripetere il 3° e il 4° ferro fino a raggiungere la lunghezza desiderata.

Spero che questo post ti aiuterà a calcolare la quantità di cashmere necessario per realizzare una bellissima sciarpa.

Buon lavoro e … alla prossima!

Alicja Kwartnik

per Hircus Filati

Sciarpa con la Punta

E’ finita l’estate, quindi è ora di cominciare a pensare all’abbigliamento ed agli accessori per l’inverno.

Oggi Ti propongo una sciarpa un po’ particolare, io, scherzosamente, la chiamo sciarpa che “finge” di essere uno scialle :-). Perché? Perché ha la punta, esattamente come uno scialle.

Forse riconosci il filato che ho utilizzato per farla. Sì, esatto è il cashmere sottile da macchina, titolo 2/28 . Ne ho parlato in uno del miei post precedenti.

La sciarpa è realizzata con ferri numero 4. E’ più conveniente utilizzare ferri circolari perché bisogna avviare tante maglie. Sul filo di plastica che unisce i due ferri entrano molte più maglie rispetto al ferro normale. Non sono neanche sicura se si riesce a metterle tutte sul ferro tradizionale (forse su quello più lungo che, una volta, si usava per fare le copertine).

Questa potrebbe essere una buona occasione per imparare la tecnica continentale e l’uso dei ferri circolari, scaricando il corso gratuito dal sito di Hircus Filati :-).

I due lati più lunghi della sciarpa che  ha la forma della lettera “V” misurano circa 100 cm. Ho scelto due colori: blu e grigio per creare le sfumature.

La punta

La soluzione che Ti propongo per creare la punta è più semplice rispetto a quella che vedi nella immagine: sul lato diritto lavora le 3 maglie centrali insieme a diritto iniziando dal 3° ferro; sul lato rovescio lavora le maglie seguendo le istruzioni che vedi sotto.

Avvia 299 maglie con 4 capi di colore grigio e procedi in questo modo:

1° ferro: tutte le maglie a diritto

2° ferro: tutte le maglie a diritto

3° ferro: tutte le maglie a diritto

4° ferro: tutte le maglie a rovescio

5° ferro: tutte le maglie a diritto

6° ferro: tutte le maglie a rovescio

7° ferro: tutte le maglie a diritto

8° ferro: tutte le maglie a diritto

Ripeti questi 8 ferri alternando i colori (vedi sotto): A – B – A – C – A – D – A,  fino a raggiungere la larghezza desiderata e chiudi tutte le maglie.

Striscia A: 4 capi di colore grigio

Striscia B: 3 capi di colore grigio + 1 capo di colore blu

Striscia C: 2 capi di colore grigio + 2 capi di colore blu

Striscia D: 1 capo di colore grigio + 3 capi di colore blu

Ricorda che, contemporaneamente, devi creare la punta seguendo la descrizione sopra. Ti potrebbe aiutare un segnapunti.

Ho rifinito la sciarpa all’uncinetto con 3 capi di colore blu, facendo intorno le maglie basse e dopo le frange composte da 20 catenelle.

Questo modello si presta bene per essere realizzato in diversi modi (es. strisce di vari colori a maglia legaccio).

Ti assicuro che la sciarpa, oltre ad essere molto originale, morbida e calda se realizzata con il cashmere, è anche comodissima da indossare.

Buon lavoro e … alla prossima.

Alicja Kwartnik

per Hircus Filati

Sciarpa Traforata in Cashmere e Seta

In uno dei miei post precedenti, ho parlato del filato di cashmere e seta che, a mio avviso, è il filato perfetto per le mezze stagioni. Ho anche parlato dei filati da macchina che, ovviamente, possono essere lavorati anche a mano se si uniscono più capi. Per approfondire questo argomento clicca qui.

Oggi ho una proposta molto concreta: sciarpa con motivo traforato, realizzata con 3 capi di cashmere e seta da macchina (il titolo del filato è 2/28000 – per approfondire questo argomento clicca qui). 

Probabilmente hai già notato che la sciarpa è uno dei miei accessori preferiti, la indosso molto volentieri tutto l’anno.

Quella che vedi sotto, di cashmere e seta, è particolarmente morbida, leggera e piacevolissima al tatto. Il filato composto di 50% di cashmere e 50% di seta è perfetto per le mezze stagioni.

Ho lavorato con ferri numero 3,5. La scelta dei ferri dipende “dalla mano”. La mia è abbastanza “lenta”, se la tua è “stretta”, usa ferri numero 4 oppure 4,5. Ti consiglio di fare un piccolo campione a legaccio (tutte le maglie a diritto) per valutare bene il numero di ferri con cui lavorerai. La sciarpa deve essere morbida.

La lavorazione è un po’ particolare, in sbieco con punti traforati. Il lato diritto e rovescio sono quasi uguali, per questo motivo Ti consiglio di segnare in qualche modo il lato diritto per seguire la descrizione dei ferri dispari. Lo potresti fare con un segnapunti oppure con un filo di colore contrastante. Il numero di maglie sul ferro, comprese le gettate, deve essere sempre uguale, cioè 59 maglie.

Cominciamo.

Avvia 59 maglie, lavora 2 ferri a diritto e dopo segui la descrizione che vedi sotto:

1° ferro: 4 diritti, 1 gettata, 49 diritti, 2 maglie insieme a diritto, 4 diritti

2° ferro: tutte le maglie a diritto, la gettata deve essere lavorata a diritto ritorto

3°, 5°, 7° ferro: ripeti il 1° ferro

4°, 6°, 8° ferro: ripeti il 2° ferro

9° ferro: 4 diritti, 1 gettata, 1 diritto, *1 gettata, 2 maglie insieme a diritto* (ripeti la parte sottolineata finché sul ferro non rimangano 10 maglie), 1 gettata, 3 maglie insieme a diritto, 1 gettata, 3 maglie insieme a diritto, 1 gettata, 4 diritti

10° ferro: tutte le maglie a diritto (senza ritorcere le gettate)

11°, 13°, 15° ferro: 4 diritti, 1 gettata, 48 diritti, 3 maglie insieme a diritto, 1 gettata, 4 diritti

12°, 14°, 16° ferro: ripeti il 10° ferro

Ripeti dal 9° al 16° ferro fino a raggiungere la lunghezza desiderata. Dopo ripeti dal 1° al 8° ferro e intreccia tutte le maglie.

Se fai fatica a lavorare 3 maglie insieme a diritto, puoi eseguire un accavallato doppio.

Buon lavoro e … alla prossima.

Alicja Kwartnik

per Hircus Filati