Come utilizzare gli avanzi dei filati

Guardo un po’ perplessa un cesto pieno di gomitoli di lana… vorrei utilizzarli ma, spesso, è difficile fare un progetto avendo a disposizione vari colori in quantità diverse.

Eppure qualcosa mi è venuto in mente. Vorrei condividere la mia idea con Te.

La cosa più semplice è quella di realizzare strisce di larghezza diversa. Sì, ma dopo bisogna cucirle insieme … e le cuciture, si sa, sono un po’ noiose e non sempre vengono perfette… Potrei unirle con l’uncinetto … no, non mi piace questa idea perché il bordo diventa troppo spesso.

E se attaccassi una striscia all’altra durante la lavorazione? Questa sì, che mi piace.

Al lavoro dunque! Ho preparato un piccolo tutorial in cui Ti propongo due modi di unire le strisce.

Prima di tutto devo scegliere i filati della stessa finezza (o grossezza :-), scegli il termine che Ti piace di più).

1° Modo

Ho realizzato la prima striscia a legaccio mantenendo i due bordi a catenella (colore rosso). Se non li sai fare leggi questo post.

Ho avviato la seconda striscia (colore bianco) e ho lavorato il primo ferro a diritto. Nel secondo ferro lavoro tutte le maglie a diritto tranne l’ultima. La sposto sul ferro destro senza lavorare, tenendo il filo dietro.

Con il ferro sinistro entro nella catenella del bordo della striscia rossa (vedi foto sotto), sposto la maglia non lavorata sul ferro sinistro e lavoro insieme a diritto la catenella rossa e la maglia bianca nel modo illustrato nella immagine.

Giro il lavoro, tolgo la prima maglia senza lavorare con il filo davanti, quindi lo sposto dietro e lavoro tutte le maglie a diritto.

Continuo in questo modo. Come vedi, le due strisce sembrano cucite.

2° Modo

La catenella del bordo sarà visibile.

Avvio la striscia arancione e faccio il primo ferro a diritto. Nel secondo ferro lavoro tutte le maglie a diritto tranne l’ultima. La sposto, come prima, sul ferro destro senza lavorare e tenendo il filo dietro. Entro nella catenella del bordo della striscia bianca ma in un altro modo, da dietro (vedi la foto). Rimetto sul ferro sinistro la maglia non lavorata.

 Lavoro tutte e due (la catenella bianca e la maglia arancione) a diritto nel modo illustrato nella immagine.

Giro il lavoro e proseguo come prima.

Ecco i due lati del mio campione.

Ora puoi decidere come utilizzare le Tue rimanenze :-). Che cosa farai? Una sciarpa? Una stola? Uno scialle? Uno scalda collo? Una copertina? Una borsa? Un tappetino? Altro?

Io ho già deciso, Ti farò vedere il mio lavoro nel prossimo post. A presto.

Alicja Kwartnik

per Hircus Filati

Come Calcolare la Quantità di Cashmere per un Lavoro a Maglia – IV Parte: Guanti, Cappelli, Calzini

Ultimamente ho scritto alcuni post su come calcolare la quantità del filato per un lavoro a maglia:

Parte I: Informazioni generali con un esempio pratico

Parte II: Sciarpe e stole

Parte III: Maglioni

Oggi voglio concludere questo argomento parlando di guanti, cappelli e calzini.

Sono sicura che a tutte le persone che lavorano ai ferri oppure all’uncinetto, succede la stessa cosa: dopo un po’ abbiamo la casa piena di filati diversi in quantità non sufficiente per fare un capo di abbigliamento. Vorremmo utilizzarli, ma spesso non sappiamo come.

Un bel gomitolo di cashmere potrebbe essere sufficiente per fare un cappello … ma, se si inizia e poi non basta? Se l’hai acquistato nel sito Hircus Filati, saprai che non è possibile comprarne un altro uguale e, in più, dello lo stesso bagno. Sono filati che provengono da stock, prodotti dalle migliori filature italiane, sono in piccole quantità e in continuo ricambio.

Si tratta di vere occasioni: qualità alta e prezzo basso.

Ritorno all’argomento del post di oggi: come valutare se la piccola quantità del filato che hai è sufficiente per fare qualche accessorio?

Prima di tutto voglio darTi un consiglio: subito dopo aver acquistato il filato annota il suo titolo, il metraggio approssimativamente già calcolato e il numero di ferri consigliato (che trovi nel sito Hircus Filati). Aggiungi a questa informazione qualche metro del filato oppure, meglio, un piccolo campione.

Questa piccola database sarà molto utile nel momento in cui vorrai utilizzare le tue rimanenze. Basta pesare il gomitolo e calcolare il metraggio del filato.

Faccio un esempio pratico:

Il filato che avevo comprato pesava 500 gr ed era pari a 1750 m. È rimasto un gomitolo che pesa 95 gr. Il calcolo che devo fare è questo:

(1750 m x 95 gr) : 500 = 332,5 m

Ora, sapendo quanti metri misura il filato posso scegliere un accessorio da realizzare.

Se hai acquistato il filato in rocca, ricordati che è il filato da trattare.

Di seguito trovi le tabelle con le informazioni che riguardano il metraggio dei filati necessario per realizzare guanti, cappelli e calzini. Ti ricordo che, come ho già spiegato nei post precedenti, si tratta di un calcolo approssimativo per la maglia rasata. Se hai “la mano stretta” oppure vuoi fare punti fantasia, devi aumentare la quantità di filato.

Guanti

Approssimativo numero di maglie in 10 cm

(maglia rasata)

circonferenza mano: 18 cm

circonferenza mano: 19 cm

circonferenza mano: 20,5 cm

circonferenza mano: 21,5 cm

circonferenza mano: 23 cm

20

101 m

120 m

141 m

161 m

181 m

4

143 m

169 m

199 m

227 m

256 m

28

158 m

186 m

219 m

250 m

282 m

31

173 m

205 m

241 m

275 m

310 m

5

190 m

225 m

264 m

302 m

340 m

Cappelli

Approssimativo numero di maglie in 10 cm

(maglia rasata)

circonferenza 42 cm

(0-6 mesi)

circonferenza 47 cm

(6-18 mesi)

circonferenza 51 cm

18 mesi-4 anni

circonferenza 53,5 cm

adulti S

circonferenza 58,5 cm

adulti M-L

16

61 m

88 m

114 m

139 m

170 m

20

77 m

112 m

144 m

175 m

214 m

24

109 m

158 m

203 m

248 m

303 m

28

120 m

174 m

224 m

273 m

334 m

31

132 m

191 m

246 m

300 m

367 m

35

145 m

210 m

270 m

330 m

403 m

Calzini

Approssimativo numero di maglie in 10 cm

(maglia rasata)

Bimbo

2 – 8 anni

Taglia S

donna

Taglia M – L

donna

Taglia S

uomo

Taglia M – L

uomo

20

88 – 126 m

172 m

205 – 231 m

255 m

284 – 318 m

24

124 – 179 m

243 m

290 – 327 m

361 m

401 – 450 m

28

137 – 197 m

268 m

319 – 360 m

397 m

442 – 495 m

31

150 – 216 m

294 m

351 – 395 m

437 m

486 – 545 m

35

165 – 238 m

323 m

386 – 434 m

480 m

534 – 598 m

Credo che questo calcolo, anche se è molto approssimativo, sia un valido punto di partenza, dando un’idea sulla quantità del filato necessario per creare qualche accessorio.

Numero di ferri

Approssimativo numero di maglie / campione di 10 cm (maglia rasata)

2,25 – 3,25

31 – 26

3,25 – 3,75

25 – 28

3,75 – 4,5

28 – 20

4,5 – 5,5

20 – 16

5,5 – 8

15 – 12

Sperando che queste informazioni Ti aiuteranno a utilizzare le rimanenze di cashmere e/o filati pregiati acquistati dal Hircus Filati, Ti invito a leggere il mio prossimo post, nel quale troverai qualche suggerimento pratico su come unire vari filati.

A presto,

Alicja Kwartnik

per Hircus Filati

 

Come Calcolare la Quantità di Cashmere per un Lavoro a Maglia – III Parte: Maglione

Prima di leggere il post di oggi, Ti consiglio di leggere questo (è la prima parte dell’argomento di cui parlerò di seguito).

Nella II Parte ho dato qualche indicazione su come calcolare la quantità di cashmere per realizzare sciarpe e stole.

Oggi parlerò di maglioni.

Il nostro punto di partenza (la base per calcolare la quantità di cashmere) sarà un classico maglione, semplice, eseguito con la maglia rasata. Se vuoi arricchirlo con punti fantasia, trecce, maglie passate, incrociate ecc., devi aumentare la quantità del filato.

Come avevo già sottolineato nei miei post precedenti, il titolo del filato è più importante del peso.

Se il filato è sottile, pesa meno e rende di più e, al contrario, se il filato è grosso pesa di più e rende di meno. Sapendo quanti metri di cashmere o lana ti occorrono per fare un maglione, saprai calcolare con precisione il suo peso.

Le tabelle che vedi sotto, indicano approssimativamente quante maglie ci sono nel campione di 10 cm di maglia rasata e quanti metri di filato serviranno per fare un maglione.

Ti ricordo che questi numeri rappresentano una media: chi ha “la mano stretta” avrà più maglie, chi ha “la mano lenta” potrebbe averne di meno.

Bambini : circonferenza petto (maglione rifinito)

Approssimativo numero di maglie in 10 cm

(maglia rasata)

66 cm

(2 anni)

71 cm

(4 anni)

76 cm

(6 anni)

81,5 cm

(8 anni)

86,5 cm

(10 anni)

12

297 m

369 m

442 m

505 m

580 m

16

421 m

523 m

627 m

716 m

822 m

20

532 m

660 m

791 m

904 m

1038 m

24

753 m

934 m

1120 m

1279 m

1469 m

28

829 m

1028 m

1233 m

1408 m

1617 m

 

Adulti : circonferenza petto (maglione rifinito)

Approssimativo numero di maglie

in 10 cm

(maglia rasata)

91,5

cm

96,5

cm

101,5

cm

106,5

cm

112

cm

117

cm

122

cm

127

cm

132

cm

12

657 m

704 m

753 m

801 m

853 m

927 m

994 m

1049 m

1125 m

16

931 m

998 m

1069 m

1136 m

1210 m

1315 m

1410 m

1488 m

1595 m

20

1175 m

1259 m

1349 m

1434 m

1527 m

1660 m

1780 m

1878 m

2013 m

24

1664 m

1783 m

1909 m

2030 m

2161 m

2350 m

2520 m

2659 m

2850 m

28

1832 m

1962 m

2102 m

2235 m

2380 m

2587 m

2774 m

2927 m

3138 m

Numero di ferri

Approssimativo numero di maglie / campione di 10 cm (maglia rasata)

2,25 – 3,25

31 – 26

3,25 – 3,75

25 – 28

3,75 – 4,5

28 – 20

4,5 – 5,5

20 – 16

5,5 – 8

15 – 12

Faccio un esempio pratico:

Step 1: Prendo uno dei miei maglioni e ne misuro la larghezza (all’altezza del petto) – sono 49 cm. Moltiplico la cifra per 2 per avere la circonferenza petto completa: 49 cm x 2 = 98 cm. Dato che nella tabella non c’è la circonferenza petto pari a 98 cm, devo scegliere fra 96,5 e 101,5. Scelgo 101,5, meglio qualche metro di filo in più :-).

Step 2: Scelgo un numero di ferri. Cercherò un filato da lavorare con i ferri numero 4/4,5 (i miei preferiti, perché la maglia non è né troppo sottile né troppo spessa).

Step 3: Controllo quanti metri di filato mi occorreranno.

Step 4: Apro il sito Hircus Filati e cerco fra Cashmere e Filati Pregiati. Nella descrizione di ogni filato trovo tutte le informazioni necessarie, cioè titolo, numero di ferri da utilizzare, peso e metraggio.

Step 5: Faccio l’ordine :-).

Spero che questo post ti aiuterà a calcolare la quantità di cashmere necessario per realizzare un bel maglione, anche se si tratta sempre di un calcolo approssimativo

Ti consiglio di visitare spesso il sito Hircus Filati se non vuoi perdere qualche occasione eccezionale.

Oltre ai filati, potrai acquistare anche classici ed eleganti capi di abbigliamento ed accessori in cashmere e filati pregiati a prezzi veramente convenienti.

Buon lavoro e … alla prossima!

Alicja Kwartnik

per Hircus Filati

Come Calcolare la Quantità di Cashmere per un Lavoro a Maglia – II Parte: Sciarpe e Stole

Prima di leggere il post di oggi, Ti consiglio di leggere questo (è la prima parte dell’argomento di cui parlerò di seguito).

Hai già sicuramente notato che molto più importante del peso è il metraggio del filato. Quando qualcuno mi chiede: “quanta lana devo comprare per fare una sciarpa?”, non so rispondere. Tutto dipende dal tipo di lana, soprattutto dal titolo del filato. Un gomitolo di 50 grammi potrebbe avere approssimativamente da 30 a 300 metri di lunghezza. Quello da 30 metri sarà molto grosso, quello da 300 metri molto sottile.

In questo post Ti voglio aiutare semplificando i calcoli.

La tabella che vedi sotto indica approssimativamente quante maglie ci sono nel campione di 10 cm di maglia rasata e quanti metri di filato serviranno per fare una sciarpa oppure una stola.

Ti ricordo che questi numeri rappresentano una media: chi ha “la mano stretta” avrà più maglie, chi ha “la mano lenta” potrebbe averne di meno.

Approssimativo numero di maglie

in 10 cm

(maglia rasata)

Sciarpa piccola

15 x 100 cm (circa)

Sciarpa grande

25 x 140 cm (circa)

Stola

50 x 280 cm (circa)

12

104 metri

243 metri

486 metri

16

148 metri

344 metri

688 metri

20

186 metri

434 metri

868 metri

24

264 metri

614 metri

1228 metri

28

290 metri

676 metri

1352 metri

 

Numero di ferri

Approssimativo numero di maglie / campione di 10 cm (maglia rasata)

2,25 – 3,25

31 – 26

3,25 – 3,75

25 – 28

3,75 – 4,5

28 – 20

4,5 – 5,5

20 – 16

5,5 – 8

15 – 12

Ovviamente, questo calcolo dovrà essere modificato in quanto si basa su un campione di maglia rasata. Le sciarpe e le stole, di solito, si fanno con punti più elaborati che richiedono più filato.

Quindi se scegli i motivi più complessi (per esempio trecce oppure costa inglese), dovrai aggiungere il 10 – 15% di filato.

Visitando il sito Hircus Filati, troverai un’informazione che riguarda il metraggio del filato che è in vendita. Spero che ora sarà più facile prendere la decisione che riguarda il tuo acquisto.

So che cosa mi vorresti chiedere: “e se anziché una sciarpa volessi fare un cappello, oppure i guanti, oppure un maglione, quanto cashmere mi servirebbe?” Te ne parlerò nei prossimi post.

E intanto voglio ritornare alla sciarpa. Si sta avvicinando il periodo delle feste natalize e dei regali.

Quante persone non sanno cosa regalare a un uomo???? Eh, già, non è facile. E’ decisamente più facile scegliere un regalo per una donna :-).

Ti propongo una cosa classica, che sarà molto preziosa: una sciarpa di cashmere (puro oppure misto) realizzata da te. Chi la indosserà la apprezzerà sicuramente.

Non è facile trovare un motivo originale per una sciarpa da uomo. Di solito si usano: varie coste, maglia legaccio, a volte la grana di riso…

Ti propongo due motivi, uno facile per i principianti e l’altro un po’ più complesso nell’esecuzione.

Se vuoi aggiungere un tocco di eleganza esegui i bordi a tubolare (vedi campioni sotto).

Campione 1

è composto da strisce di maglia legaccio a diritto, alternate a strisce di maglia legaccio a rovescio.

Il numero di maglie da avviare deve essere divisibile per 20 + 10 (per l’ultima striscia) + 6 (per 2 bordi a tubolare).

1 striscia di 10 maglie a legaccio è pari a 5 cm circa (ferri numero 4 – 4,5).

1° ferro: 3 dir., *10 dir., 10 rov.*, ripetere da * a *, 13 diritti

2° ferro: 3 rov., *10 dir., 10 rov.*, ripetere da * a *, 10 dir., spostare le ultime 3 maglie sul ferro destro senza lavorare, lasciando il filo davanti

3° ferro: 3 dir., *10 dir., 10 rov.*, ripetere da * a *, 10 dir., spostare le ultime 3 maglie sul ferro destro senza lavorare, lasciando il filo dietro

4° ferro: 3 rov., *10 dir., 10 rov.*, ripetere da * a *, 10 dir., spostare le ultime 3 maglie sul ferro destro senza lavorare, lasciando il filo davanti

Ripeti il 3° e il 4° ferro.

Campione 2

è composto da strisce di legaccio a diritto, alternate a strisce di costa inglese.

Avvia 40 maglie (ferri numero 4 – 4,5)

1° ferro: 3 dir., * striscia di 8 maglie a legaccio (= 8 dir.), 1 dir., 1 rov., 1 dir., 1 rov., 1 dir.,* ripetere da * a * , striscia di 8 maglie a legaccio (= 8 dir.) , 3 dir.

2° ferro: 3 rov., * striscia di 8 maglie a legaccio (= 8 dir.), 1 rov., 1 dir., 1 rov., 1 dir., 1 rov.,* ripetere da * a *, striscia di 8 maglie a legaccio (= 8 diritti), bordo tubolare (spostare le ultime 3 maglie sul ferro sinistro senza lavorare, lasciando il filo davanti

3° ferro: bordo tubolare (3 dir.), * striscia di 8 maglie a legaccio (= 8 dir.), striscia di 5 maglie a costa inglese (= lavorare tutte le maglie diritte (3) entrando con il ferro nella maglia diritta sotto quella che si trova sul ferro, le maglie rovesce si lavorano a rovescio)*, ripetere da * a *, striscia di 8 maglie a legaccio (= 8 dir.), bordo tubolare (spostare le ultime 3 maglie sul ferro sinistro senza lavorare, lasciando il filo dietro)

4° ferro: bordo tubolare (3 rov.), *striscia di 8 maglie a legaccio (= 8 dir.), striscia di 5 maglie a costa inglese (= lavorare tutte le maglie diritte (2) entrando con il ferro nella maglia diritta sotto quella che si trova sul ferro, le maglie rovesce si lavorano a rovescio)*, ripetere da * a *, striscia di 8 maglie a legaccio (= 8 dir.), bordo tubolare (spostare le ultime 3 maglie sul ferro sinistro senza lavorare, lasciando il filo davanti)

Ripetere il 3° e il 4° ferro fino a raggiungere la lunghezza desiderata.

Spero che questo post ti aiuterà a calcolare la quantità di cashmere necessario per realizzare una bellissima sciarpa.

Buon lavoro e … alla prossima!

Alicja Kwartnik

per Hircus Filati

Sciarpa con la Punta

E’ finita l’estate, quindi è ora di cominciare a pensare all’abbigliamento ed agli accessori per l’inverno.

Oggi Ti propongo una sciarpa un po’ particolare, io, scherzosamente, la chiamo sciarpa che “finge” di essere uno scialle :-). Perché? Perché ha la punta, esattamente come uno scialle.

Forse riconosci il filato che ho utilizzato per farla. Sì, esatto è il cashmere sottile da macchina, titolo 2/28 . Ne ho parlato in uno del miei post precedenti.

La sciarpa è realizzata con ferri numero 4. E’ più conveniente utilizzare ferri circolari perché bisogna avviare tante maglie. Sul filo di plastica che unisce i due ferri entrano molte più maglie rispetto al ferro normale. Non sono neanche sicura se si riesce a metterle tutte sul ferro tradizionale (forse su quello più lungo che, una volta, si usava per fare le copertine).

Questa potrebbe essere una buona occasione per imparare la tecnica continentale e l’uso dei ferri circolari, scaricando il corso gratuito dal sito di Hircus Filati :-).

I due lati più lunghi della sciarpa che  ha la forma della lettera “V” misurano circa 100 cm. Ho scelto due colori: blu e grigio per creare le sfumature.

La punta

La soluzione che Ti propongo per creare la punta è più semplice rispetto a quella che vedi nella immagine: sul lato diritto lavora le 3 maglie centrali insieme a diritto iniziando dal 3° ferro; sul lato rovescio lavora le maglie seguendo le istruzioni che vedi sotto.

Avvia 299 maglie con 4 capi di colore grigio e procedi in questo modo:

1° ferro: tutte le maglie a diritto

2° ferro: tutte le maglie a diritto

3° ferro: tutte le maglie a diritto

4° ferro: tutte le maglie a rovescio

5° ferro: tutte le maglie a diritto

6° ferro: tutte le maglie a rovescio

7° ferro: tutte le maglie a diritto

8° ferro: tutte le maglie a diritto

Ripeti questi 8 ferri alternando i colori (vedi sotto): A – B – A – C – A – D – A,  fino a raggiungere la larghezza desiderata e chiudi tutte le maglie.

Striscia A: 4 capi di colore grigio

Striscia B: 3 capi di colore grigio + 1 capo di colore blu

Striscia C: 2 capi di colore grigio + 2 capi di colore blu

Striscia D: 1 capo di colore grigio + 3 capi di colore blu

Ricorda che, contemporaneamente, devi creare la punta seguendo la descrizione sopra. Ti potrebbe aiutare un segnapunti.

Ho rifinito la sciarpa all’uncinetto con 3 capi di colore blu, facendo intorno le maglie basse e dopo le frange composte da 20 catenelle.

Questo modello si presta bene per essere realizzato in diversi modi (es. strisce di vari colori a maglia legaccio).

Ti assicuro che la sciarpa, oltre ad essere molto originale, morbida e calda se realizzata con il cashmere, è anche comodissima da indossare.

Buon lavoro e … alla prossima.

Alicja Kwartnik

per Hircus Filati

Sciarpa Traforata in Cashmere e Seta

In uno dei miei post precedenti, ho parlato del filato di cashmere e seta che, a mio avviso, è il filato perfetto per le mezze stagioni. Ho anche parlato dei filati da macchina che, ovviamente, possono essere lavorati anche a mano se si uniscono più capi. Per approfondire questo argomento clicca qui.

Oggi ho una proposta molto concreta: sciarpa con motivo traforato, realizzata con 3 capi di cashmere e seta da macchina (il titolo del filato è 2/28000 – per approfondire questo argomento clicca qui). 

Probabilmente hai già notato che la sciarpa è uno dei miei accessori preferiti, la indosso molto volentieri tutto l’anno.

Quella che vedi sotto, di cashmere e seta, è particolarmente morbida, leggera e piacevolissima al tatto. Il filato composto di 50% di cashmere e 50% di seta è perfetto per le mezze stagioni.

Ho lavorato con ferri numero 3,5. La scelta dei ferri dipende “dalla mano”. La mia è abbastanza “lenta”, se la tua è “stretta”, usa ferri numero 4 oppure 4,5. Ti consiglio di fare un piccolo campione a legaccio (tutte le maglie a diritto) per valutare bene il numero di ferri con cui lavorerai. La sciarpa deve essere morbida.

La lavorazione è un po’ particolare, in sbieco con punti traforati. Il lato diritto e rovescio sono quasi uguali, per questo motivo Ti consiglio di segnare in qualche modo il lato diritto per seguire la descrizione dei ferri dispari. Lo potresti fare con un segnapunti oppure con un filo di colore contrastante. Il numero di maglie sul ferro, comprese le gettate, deve essere sempre uguale, cioè 59 maglie.

Cominciamo.

Avvia 59 maglie, lavora 2 ferri a diritto e dopo segui la descrizione che vedi sotto:

1° ferro: 4 diritti, 1 gettata, 49 diritti, 2 maglie insieme a diritto, 4 diritti

2° ferro: tutte le maglie a diritto, la gettata deve essere lavorata a diritto ritorto

3°, 5°, 7° ferro: ripeti il 1° ferro

4°, 6°, 8° ferro: ripeti il 2° ferro

9° ferro: 4 diritti, 1 gettata, 1 diritto, *1 gettata, 2 maglie insieme a diritto* (ripeti la parte sottolineata finché sul ferro non rimangano 10 maglie), 1 gettata, 3 maglie insieme a diritto, 1 gettata, 3 maglie insieme a diritto, 1 gettata, 4 diritti

10° ferro: tutte le maglie a diritto (senza ritorcere le gettate)

11°, 13°, 15° ferro: 4 diritti, 1 gettata, 48 diritti, 3 maglie insieme a diritto, 1 gettata, 4 diritti

12°, 14°, 16° ferro: ripeti il 10° ferro

Ripeti dal 9° al 16° ferro fino a raggiungere la lunghezza desiderata. Dopo ripeti dal 1° al 8° ferro e intreccia tutte le maglie.

Se fai fatica a lavorare 3 maglie insieme a diritto, puoi eseguire un accavallato doppio.

Buon lavoro e … alla prossima.

Alicja Kwartnik

per Hircus Filati