Come Lavare/Trattare i capi realizzati a Macchina con filati Pettinati Fini

Qui di seguito trovi consigli e trucchi per lavare/trattare i capi realizzati a macchina con filati fini pettinati, come per esempio i filati con finezze dal Nm. 2/48 al Nm. 2/120 e tutto quello che c’è in mezzo.

Un trucco importante è prestirare il capo prima di lavarlo, ma segui i passaggi che trovi nello schema qui sotto.

Questo lavaggio è stato realizzato per i filati pettinati 100% Cashmere, ma viene utilizzato anche per filati pettinati cashmere/seta, cashmere/lana e misti cashmere in generale.

Below you will find tips and tricks to wash / treat garments made of worsted fine yarns, such as yarns from Nm 2/48 to Nm 2/120 and everything in between.

An important trick is to lick your head before washing it, but follow the steps in the diagram below.

This wash was made for 100% Cashmere worsted yarns, but it is also used for cashmere / silk worsted yarns, cashmere / wool worsted and mixed cashmere worsted yarns in general.

P.S Puoi ingrandire l’immagine per leggere meglio cliccandoci sopra.

www.florencecashmereyarn.com

Lavorare a Mano il Cashmere da Macchina

Ti è mai capitato di guardare nel sito le offerte di Cashmere puro o misto con la voglia di fare un capo ai ferri e rimanere delusa/o quando Ti accorgevi che era sottile, da macchina? E’ vero che i filati molto sottili si usano, di solito, per lavori a macchina, ma chi ha detto che non si possono utilizzare anche per lavorare a mano?

Alcuni anni fa, ho conosciuto una signora tedesca che, per i suoi stupendi capi realizzati con i ferri, comprava esclusivamente filati da macchina e, unendo due, tre o quattro capi, creava lei stessa il filato che le serviva. Tutte le sue creazioni erano veramente da ammirare. Non ho mai visto un filato che potesse rendere la maglia così soffice.

Per utilizzare fili sottili e lavorare la maglia a mano bisogna unire più capi. Da una parte, questa operazione può risultare un po’ noiosa, dall’altra, però, ci offre innumerevoli possibilità di rendere i nostri capi molto originali, praticamente pezzi unici.

Si possono unire fili di più colori e creare le sfumature: i campioni che vedi sotto Ti daranno qualche ispirazione. Ho utilizzato il Cashmere da macchina titolo 2/28. Per sapere che cosa è il titolo, leggi questo post.

Campione 1: è stato realizzato con 5 capi e ferri n 4,5. Ho iniziato con 5 capi di colore grigio, poi ogni tanto ho sostituito un capo grigio con un capo blu, fino ad avere 5 capi blu.

Campione 2: è stato realizzato con 4 capi e ferri n. 4,5. La maglia legaccio ha le righe (2 ferri) a colori alternati: col. A: 4 capi grigi; col. B: 3 capi grigi e 1 capo blu; col. C: 2 capi grigi e 2 capi blu; col. D: 4 capi blu.

La sequenza dei colori è seguente: A – B – A – C – A – D.

Campione 3: è un punto fantasia realizzato con col. A: 4 capi blu; col. B: 2 capi grigi e 2 capi blu; col. C: 4 capi grigi.

Infine alcuni suggerimenti che Ti consiglio di prendere in considerazione, prima di iniziare a lavorare filati da macchina:

1. Il filato sottile è, di solito, venduto in rocche, quindi ci vuole molto tempo per preparare i gomitoli che servono per creare un filo composto di 2 o più capi. Questa difficoltà potrebbe essere facilmente superata.: ordinando il Cashmere potresti chiedere di dividere la quantità ordinata in più rocche (con un piccolo costo aggiuntivo).

2. E’ assolutamente sconsigliabile unire i fili e fare un gomitolo. Sicuramente è più comodo avere un gomitolo solo anziché 2,3 o 4 rocche, però, durante la lavorazione a mano, la tensione dei fili può cambiare, perciò a un certo punto, potresti avere qualche filo più lungo rispetto agli altri. Per evitarlo è meglio tenere rocche o gomitoli separati.

3. I capi uniti insieme non sono ritorti. Devi fare attenzione lavorando le maglie: prendi con il ferro tutti i fili senza lasciarne neanche uno.

4. Una volta uniti e lavorati insieme, i fili praticamente non si possono dividere senza essere danneggiati, quindi fai tutti i campioni necessari per il Tuo progetto prima di iniziare.

Ti consiglio, inoltre, di leggere questo post: contiene informazioni molto utili su come lavorare i filati in rocche.

Spero di averTi invogliato a sperimentare la maglia a mano con i filati da macchina.

Buone creazioni!

Alicja Kwartnik

per Hircus Filati

Alcuni Capi da Bambino in Cashmere

Questi bellissimi capi sono stati realizzati da Dominique Digard con filato 100% cashmere art. Piuma 3200 di Cariaggi. Copyright: Coperta @brooklyntweed, vestitino @lilicommetout, cappello @purlsoho

Il filato Piuma 3200 misura 3200 mt in 1 kg, è un filato ritorto a catenella ed è uno dei filati più belli della Cariaggi.

I capi sono stati realizzati completamente a mano da Dominique, che ci ha concesso l’onore ed il piacere di pubblicarli qui sul noatro blog.

Se vuoi vedere i colori disponibili di questo filato clicca qui.

These beautiful garments were made by Dominique Digard with 100% cashmere yarn art. Piuma 3200 of Cariaggi. Copyright: Blanket @brooklyntweed, dress @lilicommetout, hat @purlsoho

The Piuma 3200 yarn measures 3200 mt in 1 kg, is a twisted brainded yarn and is one of the most beautiful yarns by Cariaggi.

The garments were made entirely by hand by Dominique, who has given us the honor and pleasure of publishing them here on the blog post.

If you want to see the available colors of this yarn click here.

www.florencecashmereyarn.com

Come calcolare la quantità di Cashemere per un lavoro a maglia – I Parte

Supponiamo che tu abbia guardato la pagina di Hircus Filati con tante offerte di filati pregiati e che Tu abbia deciso di farTi un bel maglione di Cashmere. Hai trovato il filato che Ti piace, il prezzo pure, hai anche in mente il modello. Stai per ordinare e Ti chiedi: ma quanto Cashemere mi servirà? Comprando la lana in gomitoli è più semplice: molti produttori riportano le informazioni importanti sulle fascette. Indicano il metraggio di un gomitolo (per esempio 50 gr = 120 m), il numero dei ferri da utilizzare e il numero di maglie e di ferri in un campione 10 cm x 10 cm. Alcuni aggiungono, addirittura, il numero di gomitoli che servono per un maglione a seconda della taglia e del modello (maniche lunghe o corte).

Non è facile calcolare la quantità di filato per un lavoro a maglia, comunque le spiegazioni e i suggerimenti che troverai di seguito Ti saranno sicuramente utili.

Il Cashmere e i Filati Pregiati venduti nel sito Hircus Filati sono forniti delle informazioni che Ti serviranno per calcolare la quantità di lana che ti occorrerà: il titolo e di conseguenza il metraggio (approssimativamente già calcolato).

Per capire meglio di che cosa si tratta, Ti consiglio di leggere questo post, in cui Federico Scatizzi lo spiega in maniera molto semplice. Ti assicuro che sono informazioni molto utili che Ti permetteranno di calcolare il metraggio di qualsiasi filato e, di conseguenza, la quantità.

In questo articolo Ti darò un esempio concreto su come calcolare la quantità approssimativa di Cashmere che servirà per fare un capo ai ferri. Cercherò di approfondire l’argomento in uno dei miei prossimi post.

Iniziamo da un modello. Ho scelto il maglione con lo scollo a “V” creato da Heidi Kirrmaier e pubblicato su Raverly. È semplice e unisex. La semplicità si sposa molto bene con il Cashmere.

Puoi scaricare gratuitamente la spiegazione (in inglese) per varie taglie cliccando qui

Vediamo le informazioni che ci dà l’autrice.

Campione di maglia rasata: 16 maglie e 23 ferri = campione 10 cm x 10 cm

Numero dei ferri da utilizzare: 4,5 – 5,0

Taglie: XS, S, M, L, XL, XXL, XXXL (circonferenza seno o torace da 80 a 140 cm)

Metraggio totale: 872 m – 1427 m 

Questa informazione, cioè quanti metri servono per realizzare il maglione, è molto importante, più importante del peso del filato.

Per calcolare la quantità di Cashmere che servirà per questo modello, ho scelto la taglia più piccola, cioè XS (circonferenza petto 80 cm). Secondo le indicazioni dell’autrice per le taglie S e M sono sufficienti 8 gomitoli da 109 m ciascuno (totale 872 m del filato).

Ora è il momento di scegliere il filato con il quale farò il maglione. Prendo, come esempio, l’Eco Cashmere in matasse da 250 gr = 575 m circa (da lavorare, ovviamente con i ferri numero 4,5/5, indicati nel progetto).

Facciamo un calcolo: (872 x 250) : 575 = 380. Dunque mi serviranno circa 380 g del filato che ho scelto.

Una matassa non mi basterà, ne dovrò prendere due: 500 g = 1150 m.

Potrò utilizzare quello che rimarrà per fare uno scaldacollo oppure una sciarpa :-). Avere ad un prezzo così basso due capi di Cashmere sarà veramente un affare :-).

Oppure … ne comprerò ancora di più e anziché fare un maglione, ne farò due: uno per me e uno per il mio “lui” o la mia “lei”.

http://www.ravelry.com/projects/WoolinHand/simple-summer-tweed-top-down-v-neck

Se sceglierai un modello pubblicato su una rivista, non troverai l’informazione che riguarda il metraggio totale per il capo da realizzare. Dovrai calcolarlo Tu, prendendo in considerazione la quantità necessaria del filato X proposto per quel modello.

Per esempio: servono 600 g, cioè 12 gomitoli da 50 g = 70 m (12 gomitoli x 70 m = 840 m). Quindi per realizzare il modello avrai bisogno approssimativamente di 840 m del filato.

 

Spero di essere stata abbastanza chiara … buon lavoro.

Alicja Kwartnik

per Hircus Filati

 

 

Scialle di Eco Cashmere con Maglie Allungate

Sono una grande amante degli accessori fatti a mano, con ferri, uncinetto o forcella. Adoro scialli, sciarpe e stole: sono talmente utili in ogni stagione che non riuscirei mai a farne a meno.

Oltre ad essere utili, hanno anche una caratteristica importante per chi è alle prime armi: molti modelli si possono iniziare subito, senza fare campioni e noiosi calcoli.

Eccone uno. Ti propongo uno scialle che ha la forma un po’ particolare, pur essendo sempre triangolare.

L’ho realizzato con l’Eco Cashmere: è cashmere prodotto con una piccola percentuale di cashmere rigenerato. Mantiene tutte le caratteristiche del cashmere, tranne una: il prezzo che, ovviamente, è molto più basso :-).

Per approfondire questo argomento, Ti consiglio di cliccare qui e leggere uno dei post precedenti.

Torniamo al modello dello scialle. Dato che ho utilizzato l’Eco Cashemere abbastanza sottile, ho lavorato con i ferri numero 3,5. Non l’ho trattato prima di iniziare il lavoro. Ti ricordo, però, che tutti i filati pregiati venduti in rocche dovrebbero essere trattati se si vogliono realizzare capi di abbigliamento con misure precise, per approfondire cicca qui.

Comunque potrai utilizzare qualsiasi tipo di lana o cotone con i ferri adeguati.

Avvia 6 maglie, lavora 2 ferri a diritto e dopo segui la descrizione:

1° ferro: 3 diritti – 2 maglie insieme a diritto (=1 diminuzione) – tutte le altre maglie a diritto tranne l’ultima che deve essere lavorata due volte: a diritto e a diritto ritorto (= 1 aumento)

2° ferro: tutte le maglie a diritto

3° ferro: 3 diritti – tutte le altre maglie: allungate a diritto* (vedi nota sotto), tranne l’ultima che deve essere lavorata due volte: a diritto e a diritto ritorto (= 1 aumento)

4° ferro: tutte le maglie a diritto, sciogliendo le maglie allungate.

Maglie allungate a diritto: entra con il ferro destro nella maglia che si trova sul ferro sinistro, avvolgi due volte il filo del gomitolo intorno al ferro e lavora a diritto. Nel post Maglie allungate trovi le immagini che illustrano il procedimento.

Continua ripetendo i 4 ferri descritti sopra. Hai sicuramente notato che gli aumenti si fanno ogni 2 ferri e le diminuzioni ogni 4 ferri.

Potrai inserire un altro colore lavorando a righe (il 1° e il 2° ferro – colore A / il 3° e il 4° ferro colore B), in modo casuale (come ho fatto io) oppure regolare.

Continua fino a raggiungere le dimensioni desiderate. Finisci con 6 ferri a diritto. Riprendi le maglie dal lato più lungo e rifinisci con altri 6 ferri a legaccio. Lava lo scialle seguendo le istruzioni.

Questo modello di scialle è perfetto per utilizzare anche gli avanzi di lana o di cotone che hai a disposizione.

Alicja Kwartnik

per Hircus Filati