Filati Pettinati Cashmere/Seta

2-56-arancioDisponiamo di vari colori di filati 70% Cashmere 30% Seta pettinati in offerta sul nostro sito web www.hircusfilati.com.

I titoli disponibili sono: 2/120, 2/60, 2/58, 2/56 prodotti da Cariaggi e Loro Piana.

Tranne il titolo 2/120 che è molto fine, gli altri titoli possono essere lavorati a 2 capi anche sulla macchina finezza 12, e/o a 3 o 4 capi sulla macchina finezza 7-8 (Defendi Brother e simili).

Colori molto brillanti e primaverili, adatti per confezionare maglieria e accessori per la primavera/estate.

Una occasione da non perdere, non disponiamo molto spesso di questo tipo di filati.

www.hircusfilati.com

Se questo articolo ti piace e lo vuoi far conoscere agli amici che secondo te potrebbero essere interessati inviaglielo per email e condividilo sui social network usando i pulsanti che vedi qui sotto e lasciami un commento nell’apposito spazio qui sotto.


Comment

OFFERTE, prezzi Pazzi

Super Offerte su filati pregiati ti aspettano sul nostro sito web nella nuova categoria “Offerte“.

Troverai filati in Cashmere, Merinos, Alpaca, Cammello, Cotone e molto altro a prezzi SOTTOCOSTO !!!

CLICCA QUI

www.hircusfilati.com

Se questo articolo ti piace e lo vuoi far conoscere agli amici che secondo te potrebbero essere interessati inviaglielo per email e condividilo sui social network usando i pulsanti che vedi qui sotto e lasciami un commento nell’apposito spazio qui sotto.


Comment

Il Filato di Yak

Yak_at_Nam_Tso_TibetLo Yak è stato addomesticato circa 3.000 anni fa dai tibetani per utilizzarlo per trasporto merci, ma anche per utilizzarne la fibra, la carne, la pelle, il latte ed i suoi derivati. Da sempre ha colonizzato ambienti alpini particolarmente inospitali tra la tundra e le rocce. Ammantati da strati di pelo lungo e ispido e protetti da una soffice peluria gli yak vivono ad altitudini elevate nelle zone più remote dell’altopiano Himalayano in Tibet, Nepal, Bhutan, Ladakh, Cina e Mongolia occidentale.

Questo grande bovide presenta un folto ed ispido mantello, necessario per sopravvivere alle gelide temperature delle alte quote tibetane. Il pelame è caratterizzato da peli lunghi e grossolani e da un fitto e morbido piumino sottostante. La colorazione varia dal nero al marrone scuro con sfumature più chiare talvolta biancastre in prossimità del muso. Gli animali che vivono ad altitudini elevate sviluppano un pelame più folto e lungo che spesso sfiora il terreno. Ogni primavera la folta pelliccia degli yak viene accuratamente pettinata per raccogliere la fibra di yak e poi spuntata. Viene pettinata soltanto la pancia e la parte inferiore dell’animale mentre il collo, il dorso e tutta la parte superiore viene trascurata. Ogni animale produce annualmente solo circa 100 grammi di pelo.

La prima fase della cernita ha il compito di eliminare manualmente le fibre più grossolane oltre a classificare per colore e finezza il materiale. Questo è un lavoro lento eseguito da personale qualificato che porta ad ottenere una quantità giornaliera di circa 10 Kg. di fibra selezionata.
Una volta classificata per colore, ottenendo approssimativamente il 60% di marrone scuro, 30% di marrone chiaro e solo il 10% di bianco, la fibra viene battuta per eliminare le parti terrose e lavata.
Successivamente il fine e morbido sottomanto deve essere separato dagli ispidi peli grossolani che formano il manto esterno e superficiale dell’animale.
Questo procedimento, che è lo stesso utilizzato per la fibra di cashmere, avviene in dejarratura con l’ausilio di macchinari che separano per differenza di peso le fibre grossolane (più pesanti) da quelle fini e sottili (più leggere).
La fibra dejarrata pronta ad essere utilizzata nell’industria manifatturiera derivata da animali adulti si presenta con una lunghezza di circa 32-34 mm e finezze che variano dai 17 ai 18,5 micron mentre quella proveniente dagli animali nei primi due anni di vita ha una finezza che può variare dai 16 ai 17 micron, fibra che è classificata come “SuperYak” o “Baby Yak”.

Come tutti i bovidi lo Yak è un erbivoro ruminante, si nutre di erbe, licheni e tuberi che l’animale scova scoprendoli dalla neve con il muso e con la sua larga lingua quadrata a temperature che frequentemente scendono sotto i – 40°C.

Gli yak sono spesso utilizzati per trasportare le merci in alta montagna e anche come supporto alle spedizioni alpinistiche in alta quota. Infatti nonostante la loro sorprendente mole gli Yak hanno un passo sorprendentemente sicuro e agile sui sentieri ripidi e stretti, benché talvolta trasportino pesi fino a 70 Kg.

www.hircusfilati.com

worsted-16

worsted-10

worsted-06

worsted-05

worsted-04

worsted-03

worsted-02

worsted-01Se questo articolo ti piace e lo vuoi far conoscere agli amici che secondo te potrebbero essere interessati inviaglielo per email e condividilo sui social network usando i pulsanti che vedi qui sotto e lasciami un commento nell’apposito spazio qui sotto.



Tagged with
Comment

Offertissime Filati Pregiati

Super Offerte su filati pregiati ti aspettano sul nostro sito web nella nuova categoria “Offerte“.

Troverai filati in Cashmere, Merinos, Alpaca, Cammello, Cotone e molto altro a prezzi SOTTOCOSTO !!!

CLICCA QUI

www.hircusfilati.com

Se questo articolo ti piace e lo vuoi far conoscere agli amici che secondo te potrebbero essere interessati inviaglielo per email e condividilo sui social network usando i pulsanti che vedi qui sotto e lasciami un commento nell’apposito spazio qui sotto.


Comment

Libri lavoro a maglia ai ferri e uncinetto

Guida-completa-tecniche-magDa oggi sono disponibili sul nostro sito web alcuni libri di maglia e uncinetto che puoi acquistare direttamente online. In qualche giorno ne aggiungeremo altri. Puoi vederli cliccando qui.

Se invece vuoi scaricare il catalogo completo dei libri disponibili clicca qui. I libri presenti sul catalogo che però non sono ancora presenti sul nostro sito web potranno essere ordinati via email e ti saranno spediti in 3-5 giorni lavorativi.

Troverai molti testi nuovi e interessanti per coltivare la tua passione.

www.hircusfilati.com

Decorazioni-Natale-55palle-


Comment

Lavorare i Filati Pregiati in Rocche

td4-16-blu-440Lavorare i filati in rocche, come tutte le cose, offre dei pro e dei contro.

Iniziamo con i Contro:
I tempi si allungano in quanto si devono realizzare più campioni e lavarli.
Il mio consiglio è e rimane sempre quello di realizzare almeno 2 o 3 campioni, lavorati più e meno stretti, con numero di ferri o uncinetto diversi, e lavarli insieme in modo che subiscano lo stesso trattamento. In questo modo si può scegliere di eseguire il lavoro con il risultato migliore che abbiamo ottenuto dai campioni.

Se hai tempo e voglia di sbizzarrirti, puoi realizzare 3 campioni, a due a due, cioè realizzati con tre diversi numeri di ferri, e lavarne 3 in lavatrice e 3 a mano. Otterrai un risultato più o meno diverso su ognuno di loro.

Dopodichè puoi decidere di effettuare il lavoro e lavare successivamente il capo, oppure di lavare prima il filato e lavorarlo già trattato. In quest’ultimo caso è consigliabile realizzare delle matassine con l’arcolaio di 50, massimo 100 grammi, con almeno 3 legature e lavarle a mano in acqua ferma in quanto in lavatrice si annoderebbero. Questo però è indispensabile farlo solamente se il campione che avrai scelto di lavorare è uno di quelli lavati a mano, altrimenti, se laverai il filato a mano non otterrai lo stesso risultato del campione lavato in lavatrice.

Se si lavorano filati pregiati, come Cashmere, Yak, Cammello, consiglio di lavorarli un po’ più lenti della lana, in quanto queste fibre, quando si lavano tendono a rigonfiare. Se si lavorano con l’uncinetto consiglio di lavorarli ancora un po’ più lenti che con i ferri in quanto l’uncinetto tende già di per se a lavorare stretto.

I Pro:
Primo, ma non il più importante, costano meno!! Non avendo subito trattamenti e gomitolatura a volte il risparmio può essere cospicuo.

Secondo, ma non meno importante, lavorando filati pregiati, come quelli che ho elencato qui sopra, seguendo i passaggi che ho elencato qui sopra, ci si può sbizzarrire e allo stesso tempo divertire e sicuramente ottenere il risultato che più ci soddisfa.

I filati già trattati subiscono tutti lo stesso tipo di lavaggio. Per esempio se acquistiamo un filato di cashmere articolo “X” già trattato, quello specifico filato avrà subito un unico trattamento ed il risultato sarà lo stesso per tutti i capi o accessori lavorati con quel filato articolo “X”, e l’effetto che si otterrà lavorandolo sarà sempre lo stesso su qualsiasi capo o accessorio decidiamo di realizzare.

Con il filato in rocche, seguendo i passaggio di cui sopra invece si otterranno risultati diversi e quindi campioni diversi l’uno dall’altro, ed in base ai campioni ottenuti si potrà decidere di realizzare un capo o un accessorio ottenendo un risultato, ed un altro capo o accessorio ottenendo un risultato diverso.

Se sei brava a lavorare con i ferri e con l’uncinetto, puoi realizzare tutta una serie di campioni ottenendo un risultato più o meno diverso, sia come mano, sia come sofficità, morbidezza, ed anche più o meno peloso (il famoso pelo estratto).

Sei hai bisogno di consigli per il lavaggio clicca qui, troverai consigli per il lavaggio dei campioni e dei capi in Cashmere a mano ed in lavatrice, questo tipo di lavaggio va bene per tutti i filati pregiati. Se decidi di lavare il filato prima di lavorarlo (lavare il filato in matasse), il procedimento per il lavaggio è sempre lo stesso.

Se questo articolo ti piace e lo vuoi far conoscere agli amici che secondo te potrebbero essere interessati inviaglielo per email e condividilo sui social network usando i pulsanti che vedi qui sotto e lasciami un commento nell’apposito spazio qui sotto.

www.hircusfilati.com



Tagged with
Comment
Translate »