Quando finisce il gomitolo

Quando finisce il gomitolo

Alla fine del ferro

1. Affianca i due fili: il nuovo e il vecchio.

2. Con i due fili insieme, esegui il primo punto sul nuovo ferro.

3. Salda i due fili con un nodo.

In mezzo al ferro

1. Continua la lavorazione con il nuovo gomitolo.

2. Quando avrai terminato il lavoro, sciogli il nodo e salda i fili facendoli passare sotto alcune maglie sul rovescio.

3. Taglia il filo eccedente

Se giunti i fili doppiandoli, smezza sia il filo nuovo che quello vecchio per qualche centimetro. lavora con due fili finchè arrivi al filo intero con il quale continuerai.

www.companyofcashmere.com



Tagged with
Comment

Pull con intarsio

PUNTI IMPIEGATI:
Con i ferri: legaccio, maglia rasata diritta, maglia rasata rovescia, punto coste 1/1, punto grana di riso. Intarsio: lav. seg. lo schema.

Dim. semplice (doppia) a 2 m. dal margine destro: 2 m. rov., 1 acc. semplice (doppia).

Dim. semplice (doppia) a 2 m. dal margine sinistro: lav. fino a 4 (5) m. dalla fine del f., 2 m. (3 m.) ins. a dir., 2 m. rov.

Punto traforato: n. delle m. divisibile per 8 + 2 m. di viv. Lav. seg. il diagramma.

Con l’uncinetto: punto basso.
Pippiolino: * 1 p. basso, 3 cat., 1 mezzo p. basso nel p. basso, 1 p. basso*, rip. da * a*.

Ricamo: punto lanciato, punto vapore.

Campione: 10×10 cm a p. traforato coni f. n. 3,5 = 24 m . e 33 f.

ESECUZIONE
Dietro: avv. 65 m. (69 m.) 75 m.  e lav. 2 f. a legaccio. Pros. a p. traforato, iniziando con 1 m. di viv. e la 2° m. (1 m. di viv. e l’8d m.) 1 m. di viv. e la 5° m. del dia­gramma. A 16 cm (18 cm) 19 cm di alt. tot., per i raglan, intrecc. ai lati 3 m., poi lav. 2 m. a m. rasata rov., 1 m. a m. rasata dir.: 53 m. (57 m.) 63 m. a p. traforato: 1 m. a m. rasata dir. e 2 m. a m. rasata rov. e per i raglan, lav. ai lati, all’interno di 2 m. dai margini ogni 2 f. 4 volte 1 dim. doppia e 12 volte 1 dim. semplice (4 volte 1 dim. doppia e 13 volte 1 dim. semplice) 3 volte i dim. doppia e 16 volte 1 dim. semplice. A 26 (29) 31 cm di alt. tot. intrecc. 19 m. (21 m.) 25 m. rimaste per lo scollo.

Davanti: iniziare come per il dietro. A 6 cm di alt. tot., lav. il motivo a intarsio sulle m. centrali seg. lo schema. A 16 cm (18 cm) 19 cm di alt. tot., per i raglan, intrecc. ai lati 3 m., poi lav.: 2 m. a m. rasata rov.,1 m. a m. rasata dir.: 53 m. (57 m.) 63 m. a p. traforato: 1 m. a m. rasata dir. e 2 m. a m. rasata rov. e per i raglan, lav. ai lati, all’interno di 2 m. dai margini ogni 2 f. 4 volte 1 dim. doppia e 9 volte 1 dim. semplice (4 volte 1 dim. doppia e 10 volte 1 dim. semplice) 3 volte 1 dim. doppia e 13 volte 1 dim. sem­plice. Contemp., a 19 cm (22 cm) 24 cm di alt. tot., per l’apertura, intrecc. la m. centrale e terminare le due parti separatamente. A 22 cm (25 cm) 27 cm di alt. tot., per lo scollo, intrecc. dal lato interno ogni 2 f. 1 volta 5 m., 1 volta 4 m. e 1 volta 3 m. (1 volta 6 m., 1 volta 4 m. e 1 volta 3 m.) 1 volta 7 m., 1 volta 5 m. e 1 volta 3 m. Sono esaurite tutte le m.

Manica destra: avv. 41 m. (43 m.) 43 m. e lav. 2 f. a legaccio. Pros. a p. traforato, in Épice, iniziando con 1 m. di viv. e la 6° m. (1 m. di viv. e la 5′ m.) 1 m. di viv, e la 5° m. del diagramma. Aum. ai lati ogni 6 f. 6 volte 1 m. e nell’8° f. seg. 1 volta 1 m. (ogni 6 f. 5 volte 1 m. e ogni 8 f. 3 volte 1 m.) ogni 4 f. 3 volte 1 m. e ogni 6 f. 8 volte 1 m. = 55 m. (59 m.) 65 m. A 16 cm (18,5 cm) 20 cm di alt. tot., per i raglan, intrecc. ai lati 3 m., poi lav.: 2 m. a m. rasata rov., 1 m. a m. rasata dir.: 43 m. (47 m.) 53 m. a p. traforato: 1 m. a m. rasata dir. e 2 m. a m. rasata rov. e per i raglan, lav. ai lati, all’interno di 2 m. dai margini, ogni 2 f. 4 volte 1 dim. doppia e 9 volte 1 dim. semplice (5 volte 1 dim. doppia e 9 volte 1 dim. semplice) 5 volte 1 dim. doppia e 11 volte 1 dim. semplice. Poi pros. intrecc. a destra, ogni 2 f. 4 volte 3 m. (4 volte 3 m.) 2 volte 4 m. e 2 volte 3 m., e a sinistra lav. ancora ogni 2 f. 3 volte 1 dim. semplice.

Manica sinistra: lav. in modo simmetrico.

Confezione e rifiniture: ricamare a p. vapore le “mele” sul motivo a intarsio a p. impuntura il “tronco” come da schema e foto. Chiudere i raglan e i sottomanica. Chiudere i fianchi lasciando aperti gli ultimi 5 cm in basso per formare gli spacchi. Ripr. 19 m. dagli spacchi, lav. 2 f. dir. e intrecc. le m. nel 2° f. Rifinire lo scollo e il margine d’apertura a pippiolini. Formare un’asola di 4 cat. al margine superiore dell’apertura attaccare il bottone sull’altro lato.

www.companyofcashmere.com



Tagged with
Comment

Scialle nero con frange

Media difficoltà

Occorrente (taglia unica)

G 230 di filato, colore nero 02. Uncinetto n. 2.00.

Punti impiegati

Catenella (cat.)

Maglia bassa (m.bs)

Maglia altissima (m.alts.).

Campione

Cm 10 x 10 lavoratori con l’unc. n. 2.00 a rete filet sono pari a 8 quadretti vuoti e a 8 righe.

Esecuzione

1° riga: avv. 227 cat., 1 m. alts. Nell’8° cat. dall’unc. (= 1 quadretto vuoto), * 2 cat., salt. 2 cat., 1 m. alts. nella cat. seg.*; rip. da * a * per tutta la riga fino alle ultime 3 cat. (= 73 quadretti vuoti in totale), salt. 2 cat, 1 m. alts. nell’ultima cat. (= 1 dim.), volt.

2° riga: 3 cat., salt. 1 spazio (= 1 dim.), 1 m. alts. nella m. alt. Seg.,, 2 cat., 1 m. alts. nella m. alts. seg., 2 cat., 1 m. alts nella m. alts. seg., *puntare l’unc. alla sommità dell’ultima m. alts. e lav. 4 m.

alts. chiuse ins. (lav. 4 m. alts. non chiuse, poi, con un gett., chiudere tutte le m. sull’unc. nella m. alts. seg della 1 riga e lav. 4 m. alts. chiuse ins. (= terzo patalo), (salt. 1 spazio, 1 m. alts. nella m. alts. seg., 2 cat.) per 3 volte*; rip. da * a * per tutta la riga, term. Con 3 petali, salt. 1 spazio, 1 m. alts. nella m. alts. seg., 2 cat., 1 m. alts. nell’ultima m., volt.

3° riga: 5 cat., 1 m. alts. nella m. alts. seg., 2 cat., *puntare l’unc. al centro dei 3 petali e lav. un petalo, (2 cat, 1 m. alts. nella m. alts. seg.) per 3 volte, 2 cat.*; rip. da * a * per tutta la riga, term. con un petalo, 2 cat., 1 m. alts. nella m. alts. seg., 1 m. alts. nell’ultima m. (= 1 dim.), volt.

4° riga: 3 cat., 1 m. alts. alla sommità del petalo seg., 2 cat., 1 m. alts. nella m. alts. seg., *lav.3 petali come sopra, (1 m. alts. nella m. alts. seg., 2 cat.) per 2 volte, 1 m. alts. nella m. alts. seg.*; rip. da * a * per tutta la riga, term. con 3 petali, (1 m. alts. nella m. alts. seg., 2 cat.) per 3 volte, *un petalo al centro dei 3 petali, (1 m. alts. nella m.alts. seg., 2 cat.) per 3 volte, volt.

5° riga: 5 cat., (1 m. alts. nella m. alts. seg., 2 cat.) per 3 volte, *un petalo al centro dei 3 petali, (2 cat., 1 m. alts. nella m. alts. seg.) per 3 volte, 2 cat.*; rip. da * a * per tutta la riga, term. con un petalo al centro dei petali, 2 cat., 1 m. alts. nell’ultima m. (= dim.), volt. Rip. dalla 2° riga alla 5° riga per 72 righe in totale, continuando a dim. su un solo lato fino a rimanere con 1 quadretto vuoto.

Confezione

Rifinire lo scialle con le frange. Per fare una frangia: tagliare nel filato 5 gugliate, lunghe circa cm 22 e riunirle in un mazzetto. Puntare l’unc. dal rov. e uscire sul dir., prendere il mazzetto di fili nella sua metà e passarlo sul rov., formando una maglia. Con l’unc., riprend. la coda del mazzetto e passarlo attraverso la maglia formata. Tirare i fili del mazzetto fissando il nodo. Al termine, regolare con le forbici la lunghezza delle frange.

www.florencecashmereyarn.com



Tagged with
Comment

Scialle bianco traforato

Facile

Occorrente (taglia unica)

G100 di filato di cotone, colore bianco 01. Uncinetto n. 2.00.

Punti impiegati

Punto strega (si lavora su 6 m. + 2 m. di vivagno):

1°riga: avv. tante cat. per la lunghezza desiderata (in questo caso circa cm 120), 1 m. bs. nella 2° cat. dall’unc., * allungare questa maglia di circa 1 cm, filo sull’unc. e passarlo attraverso la maglia allungata, fare una maglia bs. prendendo il filo che è rimasto dietro la maglia allungata *; rip. da * a * ancora una volta, salt. 4 cat., nella cat. seg. lav. 1 m. bs. e riprend. da * a * fino alla fine della riga, term. Con 1 m. bs. e 1 cat., volt.

2° riga: 1 m. bs nella m. bs. della riga preced., ** rip. per 2 volte da * a * della 1° riga, poi fare una m. bs. nella 1° m allungata della riga precd. e un’altra nella 2° m. allungata della riga preced.**; rip. da ** a ** per tutta la riga, term. Con 1 m. bs. e 1 cat., volt. Rip. sempre la 2° riga.

Campione

Cm 10 x 10 lavorati con l’unc. n. 2.00 a punto strega sono pari a 5 punti strega e a 10 righe.

Esecuzione

Avv. 120 cm di cat. e lav. a punto strega, diminuendo ai lati un punto strega ad ogni riga. Per dim. un punto strega all’inizio della riga lav. 1 m. bs. allungata, salt. un punto e pros. normalmente; alla fine della riga salt. un punto e lav. 1 m. bs allungata nell‘ultimo punto. Chiudere quando rimane un solo punto.

Confezione

Bordare con le frange i lati obliqui dello scialle. Per fare una frangia, tagliare nel filato 4 gugliate lunghe circa cm 35 e riunirle in un mazzetto. Puntare l’unc. dal rov. e uscire sul dir., prendere il mazzetto di fili nella sua metà e passarlo sul rov., formando una maglia. Con l’unc., riprend. la coda del mazzetto e passarlo attraverso la maglia formata. Tirare i fili del mazzetto fissando il nodo. Al termine, regolare con le forbici la lunghezza delle frange.

www.hircusfilati.com




Tagged with
View comment

Canotta in Cashmere

Facile

OCCORRENTE (per una taglia 42):
Primo filato: 125 gr. di filato rosa 613 (o altro colore a piacere);
Secondo filato: 150 gr. di filato rosa 30 (o altro colore a piacere) – di cui 130 gr. per la canotta e 20 gr. per la pochette;
Ferri n. 5;
Ago da lana con punta arrotondata;
Una manciata di perle piccole;
Una chiusura lampo lunga cm. 16;
Una farfallina metallica decorativa;
Un pezzettino di fodera in tinta.

PUNTI IMPIEGATI
Con i ferri:
Legaccio.
Maglia rasata.

Con l’ago:
Punto erba.
Punto margherita.
Punto pieno.

CAMPIONE
Cm. 10×10 lavorati con i ferri n. 5 e con i due filati usati insieme a maglia rasata sono pari a 16 m. e 19 ferri.

ESECUZIONE
Canotta – dietro: avv. 70 m. con i ferri n.5 e con i filati usati. Lav. 4 ferri a legaccio, pari a cm. 1,5 di alt. Pros. a m.rasata. A cm.37 di alt.tot., per gli scalfi intrecc. ai lati 4 m., poi, all’interno delle 2 m. di margine che si lavorano a legaccio, dim. 1 m. ogni 2 ferri per 6 volte (=50 m.). Per dim. 1 m. all’inizio del ferro lav. 1 acc. sempl. (pass. 1 m. a dir., alla fine del ferro lav.1 acc. sempl. (pass. 1 m. a dir. senza lavorarla, 1 m. dir., acc. la m. passata su quella lavorata a dir.). A cm. 56 di alt. tot., lav. le prime e le ultime 11 m. a m.rasata, le 28 m. centrali a legaccio per 4 ferri. A cm. 58 di alt.tot., intrecc. tutte le m.
Canotta – davanti: si lavora come il dietro. A cm. 40 di alt.tot., per lo scollo dividere il lavoro e pros. le due parti separat. All’interno delle 2 m. di margine dello scollo, che si lavorano a legaccio, dim. 1 m. ogni 2 ferri per 12 volte, 1 m. ogni 4 ferri per 2 volte. A cm. 58 di alt.tot. intrecc. le 11 m. rimaste per ciascuna spalla.
Pochette: avv. 24 m. con i ferri n. 5 e con il primo filato, messo doppio. Lav. 4 ferri a legaccio. Pros. a m.rasata. A cm. 26 di alt.tot., lav. 4 ferri a legaccio e intrecc. le m.

CONFEZIONE
Canotta: cucire le spalle e i fianchi. Con l’unc. e con il primo filato, rifinire lo scollo e gli scalfi con un giro a punto gambero. Con l’ago e con il primo filato, messo doppio, eseguire il ricamo come da disegno 1, lavorando gli steli a punto erba, le foglie e i petali a punto margherita, il pistillo a punto pieno ma con il secondo filato. Decorare il pistillo , la punta di otni foglia e gli steli con le perline.
Pochette: piegare il rettangolo a metà e, su uno dei lati (il dav. della pochette) ricamare lo stelo come da disegno 2, con il secondo filato messo doppio. Decorare con le perline lo stelo e le punte di ogni foglia. Cucire le parti laterali del rettangolo doppiato e inserire la lampo lungo l’apertura. Con la fodera, confezionare un sacchettino, fissandolo all’interno della pochette con un sottopunto. Applicare in un angolo la farfallina.

NOTE:

CAMBIAMENTO DI COLORE:
Quando si deve cambiare colore in un lavoro a p. coste, lav. il primo ferro con il nuovo colore tutto a dir. sul dir. del lavoro, per evitare che si vedano dei nodini di colore contrastante.

LAVORAZIONE A ZONE DI COLORE:
Se alcune righe colorate sono formate da un numero di ferri dispari, lavorare con i ferri a due punti, per non dover spezzare il filo ad ogni cambio di colore. Per rendere più regolare la m., prima di stirare il capo avvolgerlo in un panno umido e lasciarlo così per qualche ora (o per una notte).

www.compagniadelcashmere.com



Tagged with
Comment

Cardigan e Sciarpa

Difficoltà: Media.

OCCORRENTE (per una taglia 42):
400 gr. di filato, colore a scelta, ferri n. 3,5.

PUNTI IMPIEGATI
Con i ferri:
Maglia tubolare (avvio).
Legaccio.

Punto Fantasia (si lavora su 12 m.+ 1 m.): lav. come da schema, tenendo presente che:
| = 1 m. dir.;
– = 1 m. rov.;
= su ferri dispari 1 acc.sempl. (pass.1 m. a dir.senza lavorarla, 1 m. dir., acc. la m. passata su quella lavorata a dir.),su ferri pari 2 m. ins.a rov. ritorto;
/ = su ferri dispari 2 m. ins.a dir., su ferri pari 2 m. ins.a rov.;
/= nella m. lav. 9 m. dir. prendendole alternativamente sul dav. e sul dietro.
Ogni quadretto dello schema corrisponde a 1 m. e a 1 ferro.
I quadretti vuoti sono privi di significato.
Terminati gli 8 ferri dello schema, rip. dal 1° ferro.

CAMPIONE
Cm. 10×10 lavorati con i ferri n. 6,5 e lav. a punto fantasia sono pari a 22 m. e 18 ferri, a maglia rasata sono pari a 14 m. e 18 ferri.

ESECUZIONE
Dietro: avv.121 m. con i ferri 6,5 e lav. a punto fantasia, ripetendo le 12 m. del rapporto per 10 volte, term.con l’ultima m. dello schema. A cm. 44 di alt.tot., dopo il 5° ferro dell’ultima ripetizione dello schema (restano 61 m.), pros. a m. rasata. A cm. 50 di alt. tot., per gli scalfi intrecc. ai lati 3 m., poi all’interno delle 2 m. di margine, dim. 1 m. ogni 2 ferri per 3 volte (= 49 m.). Per dim. 1 m. all’inizio del ferro lav. 1 acc.sempl., alla fine del ferro lav. 2 m. ins.a dir. A cm. 68 di alt. tot., per lo scollo intrecc. le 21 m. centrali e pros.le due parti separat., diminuendo ogni 2 ferri a lato dello scollo 1 m. per 2 volte. A cm. 70 di alt. tot., intrecc. le 12 m. rimaste per ciascuna spalla.
Davanti Sinistro: avv. 61 m. con i ferri 6,5 e lav. a punto fantasia ripetendo le 12 m. del rapporto per 5 volte, term con l’ultima m.dello schema. A cm. 44 di alt.tot., dopo il 5° ferro dell’ultima ripetizione dello schema (restano 31 m.), pros. a m.rasata. A cm. 50 di alt.tot., sul lato ds. formare lo scalfo come fatto per il dietro (= 25 m.). A cm. 63 di alt. tot., sul lato sin. per lo scollo intrecc. 6 m., poi a lato dello scollo dim. 1 m. ogni 2 ferri per 7 volte (= 12 m.). A cm. 70 di alt.tot., intrecc. le m. rimaste per la spalla.
Davanti destro: Si lavora come il sin., in senso inverso.
Maniche: avv. 49 m. con i ferri n. 6,5 e lav. a punto fantasia, ripetendo le 12 m. del rapporto per 4 volte, term. con l’ultima m. dello schema. A cm. 11 di alt., dopo il 4° ferro dell’ultima ripetizione dello schema (restano 33 m.), pros. a m.rasata, aumentando ai lati 1 m. ogni 8 ferri per 9 volte (= 49 m.). A cm. 44 di alt.tot., per gli scalfi intrecc. ai lati 3 m., poi, all’interno delle 2 m. di margine, dim. 1 m. ogni 2 ferri per 15 volte (= 13 m.). A 62 cm. di alt.tot., intrecc. le m. rimaste.

CONFEZIONE
Cucire le spalle. Con i ferri n. 6,5 riprend. 50 m. lungo lo scollo e lav. a punto coste 1/1 per 4 ferri, poi a m.rasata per 4 ferri; intrecc. le m. Con i ferri n. 6,5 lungo il dav.sin. riprend. 100 m. e lav. 6 ferri a m.rasata. Intrecc. tutte le m. Eseguire lo stesso bordo lungo il dav.ds., ma aprendo 3 occhielli sul 3° ferro: il 1° a cm. 45 dal fondo, i due succ. distanziati tra loro di 8 m. Per fare un occhiello, intrecc. 3 m. e riavviarle nel ferro di ritorno. Cucire le maniche lungo gli scalfi, i sottomanica e i fianchi. Attaccare i bottoni.
Sciarpa: fare una matassa di circa 80 fili, lunghi circa cm. 300; segnare la metà con una gugliata di filo, stringendo forte. Con l’unc. n. 6.00 e con il filato, lav.a m.bs. allungate intorno alla matassa nella parte doppiata per cm.20. Riunire le due parti della matassa, formando così un anello del diametro interno di circa 5 cm., quindi formare un grosso nodo. Sempre con l’unc. e con il filato, formare una pallina avviando 4 cat. e chiuderle a cerchio con 1 m.bss.
1° giro: nel cerchio lav. 12 m. alte (sostituire la 1^ m.alta con 3 cat.) e term. con 1 m.bss. nella 3^ cat. d’inizio.
2° e 3° giro: 1 m.bs. in ogni m., term. con 1 m.bss. nella 1^ m.bs. Inserire un po’ di ovatta per imbottire la pallina, passare il filo nelle maglie dell’ultimo giro e stringere fortemente per chiudere la pallina, fissando il filo sul rov.
Applicare la pallina alla base dell’anello.

www.compagniadelcashmere.com



Tagged with
View comments (2)
Translate »