Bordo a dente di gatto

In uno dei post precedenti qui Ti abbiamo parlato dei bordi laterali dei lavori a maglia. Ti abbiamo presentato tre soluzioni: bordo a nodini, a catenella e tubolare.

Oggi ti vogliamo proporre una rifinitura che potresti utilizzare per tutti gli altri bordi, compresi polsini, scolli ecc. Molti capi realizzati ai ferri iniziano con una costa creata con punti diritti e rovesci.  Le più classiche sono: 1/1 (una maglia diritta alternata a una maglia rovescia) oppure 2/2 (due maglie diritte alternate a due maglie rovesce).

Il bordo che Ti proponiamo in questo post si chiama “dente di gatto”. Purtroppo non sappiamo dirti niente sull’origine del nome un po’ particolare 🙂 (probabilmente qualcuno ha visto la somiglianza con i denti di gatto). Un altro nome che abbiamo trovato nella letteratura è “bordo dentellato”. Ne esistono due tipi: semplice e doppio.

wp_000520

È il bordo usato spesso per creare capi ai ferri per bambini: maglioncini, cuffiette, scarpine, calzini ma anche copertine. Lo si può utilizzare, ovviamente, anche per rifinire capi per adulti, come vedi nella foto accanto. Nei video potrai vedere qualche altro esempio dell’utilizzo del bordo che, essendo decorativo, potrebbe essere una interessante alternativa alle coste. C’è un altro aspetto da prendere in considerazione: all’interno del bordo, che è doppio, si può inserire un elastico che non permette alla maglia di allargarsi eccessivamente.

La  descrizione e i video che trovi sotto Ti aiuteranno a realizzare questo bordo. Il dente di gatto semplice si lavora su un numero di maglie dispari, con un numero di ferri inferiore rispetto a quello che si utilizzerà per tutto il capo.

Come iniziare il lavoro con il bordo a dente di gatto:

  • Step 1: avvia le maglie con l’uncinetto e lavora a maglia rasata circa 2 – 3 cm
  • Step 2: sul diritto esegui un ferro con gettate in questo modo: 1 maglia di margine (lavorata o non, a seconda delle tue preferenze e abitudini), * 1 gettata – 2 maglie insieme a diritto *, ripeti la parte fra * * fino alla fine del ferro
  • Step 3: sul rovescio del lavoro esegui tutte le maglie a rovescio, prendendo le gettate in modo che sotto rimanga un foro
  • Step 4: lavora altri 2 – 3 cm a maglia rasata
  • Step 5: riprendi le maglie di avvio dall’uncinetto spostandole su un ferro. In questo momento nel tuo lavoro sono inseriti due ferri, uno all’inizio e uno alla fine.
  • Step 6: piega il bordo e con il terzo ferro lavora insieme a diritto due maglie: una da un ferro e una dall’altro

Come finire il lavoro con il bordo a dente di gatto:

  • Step 1: dopo aver lavorato 2 – 3 cm a maglia rasata, esegui sul diritto un ferro con le gettate: 1 dir, * 1 gettata – 2 maglie insieme a diritto * ripeti la parte fra * * fino alla fine del ferro
  • Step 2: lavora altri 2 – 3 cm a maglia rasata
  • Step 3: chiudi tutte le maglie sul rovescio
  • Step 5: cuci il bordo

Per realizzare il “dente di gatto doppio” segui i video che vedi sotto.

Avvia un numero di maglie divisibile per 4  e utilizza un numero di ferri inferiore rispetto a quello che si utilizzerai per tutto il capo.

Alicja Kwartnik

per Hircus Filati

Giacchina da Bambino in Cashmere

giacca-binbo-cashmere-2Questa giacchina da bambino con cappuccio è stata realizzata da Daniela Sebastiani con i nostri filati in Cashmere.

E’ stata lavorata interamente a mano ai ferri.

Daniela ci ha gentilmente concesso il piacere di pubblicare le foto qui sul nostro blog.

Nella foto qui sotto si possono vedere maggiori dettagli del cappuccio.

www.florencecashmereyarn.com

giacca-binbo-cashmere-1

Bordi laterali dei lavori a maglia

Ti ricordi i Tuoi primi passi nel lavoro a maglia? Penso di sì. Chi si scorda la prima sciarpa fatta ai ferri… le prime maglie diritte e rovesce… i primi tentativi di avere il lavoro regolare… le prime preoccupazioni quando cade un punto. Forse con tanta ammirazione hai osservato le persone più esperte di Te che facevano la maglia, a volte, senza neanche guardarla. Forse ti sei detta/o: chissà se un giorno sarò anch’io così brava/o. Poi, passo dopo passo, imparavi cose nuove, sempre più complesse, perfezionavi la tecnica. Giorno dopo giorno aumentava la Tua soddisfazione.  Forse oggi sai già fare modelli e punti molto complicati. Forse non vuoi imparare altro. O forse hai sempre voglia di scoprire cose nuove e ti rendi conto che il meraviglioso mondo della maglia è così straordinariamente ricco che non è possibile dire: finalmente so fare tutto con i ferri e l’uncinetto.

Il nostro Blog, da Settembre 2016, cambia un po’ l’aspetto, sia per quanto riguarda la grafica (questo sicuramente l’hai già notato), sia il contenuto. Vogliamo essere ancora più vicini ai Tuoi desideri, interessi e alle Tue necessità; vogliamo offrirti idee da realizzare e aiutarti a conoscere meglio i diversi filati, tra cui ovviamente il cashmere.

Ci piacerebbe che Tu volessi collaborare con noi, il Tuo contributo sarebbe molto prezioso. Nei commenti sotto i nostri post potrai comunicare i Tuoi suggerimenti, proposte, domande e richieste.

Per iniziare, ti proponiamo una serie di post in cui parleremo di alcune impostazioni basilari del lavoro a maglia. Non pretendiamo, ovviamente, di esaurire ogni argomento: l’utilizzo dei ferri è un campo talmente vasto e in continua evoluzione che sarebbe impossibile farlo.

Se sei alle prime armi,  troverai sicuramente molte informazioni utili; se sei un’esperta /un esperto, potresti trovare un modo di lavorare che non conosci.

WP_000659

Come primo argomento abbiamo scelto

LA LAVORAZIONE DEI BORDI LATERALI.

È un argomento, secondo noi, sottovalutato.

 

Sai bene quanto tempo ci vuole per realizzare un capo con i ferri, vero? Ecco, un capo rifinito male (e i bordi laterali fanno parte della rifinitura) perde molto valore. È un vero peccato, dato che il Tuo tempo è la cosa più preziosa che Tu abbia :-).

Molte persone eseguono le maglie di margine (la prima e l’ultima) sempre nello stesso modo, senza sapere  che esistono diverse possibilità.

Ti vogliamo presentare 3 modi della lavorazione dei BORDI LATERALI: A NODINI, A CATENELLA  e TUBOLARE. Cliccando sui link che vedi sotto potrai imparare ad eseguirli e scegliere quelli giusti per ogni tipo di  lavoro da realizzare.

(Lezione 1: presentazione dei 3 bordi; bordo a nodini sul legaccio)

(Lezione 2: bordo a catenella sul legaccio)

(Lezione 3: bordo a nodini sulla maglia rasata)

(Lezione 4: bordo a catenella sulla maglia rasata)

(Lezione 5: bordo a catenella sulla costa 1:1)

(Lezione 6: utilità del bordo a catenella)

(Lezione 7: riprendere  maglie dal bordo a catenella)

(Lezione 8: cucire bordi a catenella)

(Lezione 9: bordo tubolare sulla maglia rasata)

(Lezione 10: bordo tubolare sul legaccio)

Maglione da uomo in Cashmere

martina maruggQuesto maglione da uomo è stato realizzato ai ferri da Martina Marugg-Zinn, che ci ha gentilmente concesso il piacere di pubblicare sul nostro blog.

E’ stato realizzato con filato 100% Cashmere in stock articolo “Piuma” di Cariaggi.

This men’s sweater is made by Martina Marugg-Zinn, who kindly granted us the pleasure to publish on our blog.

It was made with 100% Cashmere yarn in stock lot article “Piuma” by Cariaggi.

www.florencecashmereyarn.com

Mi manca un po’ di filato per finire il lavoro!

Ultimamente mi stanno arrivando troppe richieste come queste, che purtroppo non riusciamo a soddisfare in quanto i filati in stock che abbiamo disponibili sono in quantità limitate e finiscono in fretta.

I metodi per evitare di incorrere in questi spiacevoli problemi sono due, e sono molto semplici:

1 – se hai già in mente il modello che vuoi realizzare quando acquisti un filato in stock, appena lo ricevi realizza subito un campione e lavalo, contando le maglie e misurandolo sia prima che dopo il lavaggio, in questo modo potrai sviluppare la taglia e capire subito se il filato acquistato è sufficiente per realizzare il modello. Se non è sufficiente, fai ancora in tempo ad acquistarne altro. Non lasciar passare troppo tempo, altrimenti rischi di non trovarlo più.

2 – se acquisti un filato in stock solo perchè ti piace, con la intenzione di lavorarlo in un secondo momento, quando decidi di lavorarlo realizza un campione e lavalo, contando le maglie e misurandolo sia prima che dopo il lavaggio così capirai subito se il quantitativo ti basta, se non ti basta ed il filato non è più disponibile potrai comunque realizzare qualcosa di diverso.

E’ molto spiacevole ritrovarsi a fine lavoro, dopo aver lavorato molto tempo, e ritrovarsi al punto che ti manca un po’ di filato per finire il lavoro e non lo ritrovi più perchè è terminato.

E’ spiacevole per te che dopo tanto lavoro ti ritrovi a doverlo disfare, e sinceramente è spiacevole e frustrante anche per noi che abbiamo terminato il filato e non possiamo materialmente aiutarti in nessun modo.

Non finirò mai di ripeterlo “FAI SEMPRE IL CAMPIONE PRIMA DI INIZIARE IL LAVORO!!!”

www.hircusfilati.com

Consigli utili sui filati in stock

Quando acquisti un filato in ricche in stock, la prima cosa da sapere è che spesso detti Filati non sono lavati/follati e vanno lavati dopo la lavorazione.

Indispensabile è realizzare un campione e lavarlo, questo ti da molti vantaggi.

1 – ti consente di sviluppare le misure e la taglia. Conta sempre le maglie e misura il campione prima e dopo il lavaggio.

2 – ti consente di capire il consumo, la resa. Quanto filato ti occorre per realizzare il capo/accessorio che hai in mente.

3 – ti consente di capire come lavorare il filato, per esempio più stretto o più rado. I Filati di Cashmere rigonfiano molto dopo il lavaggio (alcuni di più alcuni un po meno), e se li lavori troppo stretti non hanno sufficiente spazio per gonfiare e acquisire la morbidezza tipica del cashmere. Viceversa se li lavori troppo lenti/radi, verranno molto pelosi e si avranno spazi troppo ampi fra un punto e l’altro.
Realizzare il campione ti consente di trovare la giusta misura.

4 – i Filati di cashmere in stock solitamente sono in piccole quantità ed i colori cambiano continuamente ed è facile non ritrovare non solo lo stesso bagno, ma anche lo stesso colore anche dopo poco tempo dall’acquisto. Realizzare il campione e lavarlo ti consente di sapere il consumo finale per realizzare il capo, e se la quantità che hai acquistato non ti è sufficiente hai maggiori possibilità di trovare ancora la quantità che ti manca.

Questi sono solo alcuni, anche se forse i più importanti, vantaggi che si hanno nel realizzare un campione e lavarlo quando si acquistano Filati di Cashmere in stock.

Per quanto riguarda il lavaggio dei Filati in cashmere, seguì alcuni consigli che trovi sul nostro sito web cliccando qui.

www.hircusfilati.com