Avvio a maglia tubolare con lana di colore diverso

Con questa tecnica di avvio, otterrete un effetto “morbido” simile a quello del tubolare.

Occorrono pochissimi grammi di un filato di colore contrastante rispetto a quello utilizzato per il lavoro che, alla fine, verrà sfilato.

Dopo aver eseguito il primo ferro, lavorate il secondo con la lana scelta per il capo. Nel terzo ferro eseguite a diritto le maglie che si presentano a diritto e passate a rovescio, senza lavorarle, quelle che si presentano a rovescio.

Al termine del lavoro tagliate il filo colorato della prima maglia e sfilatelo. Il filo di colore contrastante deve presentarsi sul lato opposto rispetto a quello da cui pendono i fili di avvio.

1. Con un filato di colore contrastante collocate sul ferro metà delle maglie più una.

2. Eseguite la prima maglia a diritto, la seconda sarà gettata.

3. lavorate il ferro più piccolo e mandate una maglia a diritto e un gettato.

4. Questa è la maglia rovescia, mentre viene presa dal ferro destro e passata sul ferro di destra, senza lavorarla.

5. Questa è la maglia a diritto. Lavorate con il sistema del tubolare semplice 3/4 ferri, quindi continuate a coste 1/1.

6. A lavoro ultimato sfilate la lana dell’altro colore.

Alcuni trucchi:

Se l’indumento in lana d’angora si presenta con i peli afflosciati, ridonategli vigore ponendolo sopra a una pentola con l’acqua in ebollizione.

Se dovete lavare capi realizzati con lane molto pelose, aggiungete durante il risciacquo un po’ di balsamo per capelli.

Per fissare il colore di un filato in cotone, immergetelo in una bacinella di acqua bollente insieme a mezza tazza di aceto e a qualche goccia di tintura di iodio. Lasciate in ammollo per un paio d’pre e risciacquate.

 



Tagged with
Comment

Pull con Intarsio

PUNTI IMPIEGATI:

Con i ferri: legaccio, maglia rasata diritta.

Righe fantasia a m. rasata dir.: 1 f. in Épice, 1 f. in Carotène, 1 f. in Corail, rip. da * a.
Intarsio: lav. seg. lo schema.

Con I’uncìnetto: punto basso, punto alto.

Ricamo: punto catenella, punto lanciato, punto erba.

Campione: 10×10 cm in Nomade a m. rasata dir. con i f. n. 3,5 = 24 m.e 33 f.

ESECUZIONE

Dietro: avv. 65 m. (69 m.) 75 m. in Carotène e lav. 2 f. a legaccio. Pros. a m. rasata dir. in Épice. A 15 cm (17 cm) 18 cm di alt. tot., per gli scalfi manica, intrecc. ai lati ogni 2 f. 1 volta 3 m. e 2 volte 1 m. = 55 m. (59 m.) 65 m. A 25 cm (28 cm) 30 cm di alt. tot., per lo scollo, intrecc. le 9 m. (11 m.) 11 m. centrali e terminare le due parti separatamente. Intrecc. dal lato scollo nel 2° f. seg. 1 volta 10 m. (1 volta 10 m.) 1 volta 11 m. A 26 cm (29 cm) 31 cm di alt. tot., lasciare in sospeso 13 m. (14 m.) 16 m. rimaste per ogni spalla.

Collo: ripr. in Corail le m. di una spalla, 29 m. (31 m.) 33 m. dallo scollo e poi le m. dell’altra spalla. Lav.1 f. a dir. sul rov, del lav., poi a legaccio come segue: 2 f. in Carotène e 2 f. in Corail; nel 3° f. intrecc. le m.

Davanti: iniziare come per il dietro.A 6 cm di alt. tot. lav. il motivo a intarsio sulle m. centrali seg. lo schema. A 22 cm (24 cm) 26 cm di alt. tot., per lo scollo, intrecc. le 9 m. (11 m.) 11 m. centrali e terminare le due parti separatamente. Intrecc. dal lato scollo ogni 2 f.1 volta 3 m., 3 volte 2 m. e 1 volta 1 m. (1 volta 3 m., 3 volte 2 m. e 1 volta 1 m.) 1 volta 3 m., 3 volte 2 m. e 2 volte 1 m. A 26 cm (29 cm) 31 cm di alt. tot., lasciare in sospeso le 13 m. (14 m.) 16 m. rimaste. per ogni spalla.

Collo: ripr. in Corail le m. di una spalla, 35 m. (37 m.) 39 m. dallo scollo e poi le m. dell’altra spalla. Lav. come per il dietro e lav. 2 occhielli su ogni spalla. Lav. il primo a 3 m. dai margini esterni, l’altro a 6 m. (7 m.) 9 m. di distanza.

Maniche: avv. 41 m. (43 m.) 43 m. in Corail e lav. 2 f. a legaccio. Pros. a righe fantasia e aum. ai lati ogni 4 f. 2 volte 1 m. e ogni 6 f. 7 volte 1 m. (ogni 4 f. 3 volte 1 m. e ogni 6 f. 8 volte 1 m.) ogni 4 f. 6 volte 1 m. e ogni 6 f. 7 volte 1 m. = 59 m. (65 m.) 69 m. A 17 cm (20 cm) 22 cm di alt. tot., per l’arrotondamento, intrecc. ai lati ogni 2 f. 1 volta 4 m., 2 volte 3 m. e 1 volta 4 m. (1 volta 5 m. e 3 volte 4 m.) 2 volte 5 m., 1 volta 4 m. e 1 volta 5 m. A 19 cm (22 cm) 24 cm di alt. tot. intrecc. le 31 m. rimaste.

Ricamo in Basané
= manico annaffiatoio
= cipolla annaffiatoio, p. lanciato = becco annaffiatoio, p. catenella = acqua in Carotène, p. lanciato
= roseto in verde chiaro, p. catenella

Tasca: avv. 16 m. (18 m.) 18 m. in Basané e lav. a m. rasata dir. A 5 cm (5 cm) 5,5 cm di alt. tot. e lav. 2 f. a legaccio e nel f. seg. intrecc. le m.

Cappello: avv. 3 cat. in Carotène e chiudere in tondo con 1 mezzo p. basso. 1° g.: nel cerchio lav. 8 p. bassi sostituendo il 1° p. basso con 1 cat., 2° g.: * 1 p. basso nel p. basso, 2 p. bassi nella m. seg.*, rip. da * a * per altre 3 volte = 12 m.; 3° g.: puntando solo nel filo posteriore delle m. sottostanti lav.: *1 p. alto nella m. seg:, 2 p. alti nella m. seg. * , rip  da * a * per altre 5 volte = 18 m. spezzare a fermare il filo.

www.hircusfilati.com

 



Tagged with
View comment

Giaccone color Vinaccia

Giaccone color vinaccia

Occorrente: filati , 126:4 (4) 5 gom.;  126: 2 (2) 3 gom. Ferri n. 4,5 e n. 7, 4 (4) 5 bottoni.

PUNTI IMPIEGATI:
Punto coste 212, maglia rasata diritta, legaccio. Diminuzione di 1 m. a 1 m. dal margine destro: 1 m. dir., 2 m. ins. a dir.; a sinistra: 1 acc. semplice, 1 m. dir.

Campioni: 10×10 cm a m. rasata dir. (filo doppio) + (filo semplice) con i f. n. 7 = 13,5 m. e 16 (;10×10 cm a p. coste 2/2 con i f. n. 4,5 = 29 m. e 26 f.

ESECUZIONE
Dietro: avv. con i f. n. 7 (filo doppio) + (filo semplice) 44 m. (48 m.) 52 m. e lav. a m. rasata dir. dim. ai lati, all’interno di 1 m. dai margini 2 volte 1 m. ogni 7 cm (7 cm) 8 cm = 40 m. (44 m.) 48 m. A 20 cm (22 cm) 24 cm di alt. tot., per gli scalfi manica, intrecc. ai lati ogni 2 f 1 volta 2 m.,1 vol­ta 1 m. (2 volte 2 m.) 1 volta 3 m., 1 volta 2 m. = 34 m. (36 m.) 38 m. A 31 cm (34 cm) 37 cm di alt. tot., per lo scollo, in­trecc. le 10 m. (10 m.) 12 m. centrali e terminare le due parti se­paratamente. Intrecc. dal lato scollo nel 2° f. seg. 1 volta 3 m. A 33 cm (36 cm) 39 cm di alt. tot. intrecc. le 9 m. (10 m.) 11 m. rimaste per ogni spalla.

Davanti destro: avv. con i f. n. 7 (filo doppio) + (filo semplice) 26 m. (28 m.) 30 m. e lav. a m. rasata dir. Dim. a sinistra, all’interno di 1 m. dal margine come per il die­tro = 24 m. (26 m.) 28 m. A 20 cm (22 cm) 24 cm di alt. tot.,
per lo scalfo manica, intrecc. a sinistra come per il dietro = 21 m. (22 m.) 23 m.A 28 cm (31 cm) 34 cm di alt. tot., per lo scollo, intrecc. a destra ogni 2 f 1 volta 4 m., 1 volta 3 m., 2 volte 2 m., 1 volta 1 m. (1 volta 4 m., t volta 3 m., 2 volte 2 m.,1 vol­ta 1 m.) 1 volta 5 m., 1 volta 3 m., 2 volte 2 m., 1 volta 1 m. A 33 cm (36 cm) 39 cm di alt. tot. intrecc. le 9 m. (10 m.) 10 m. rimaste per la spalla.

Davanti sinistro: lav. in modo simmetrico e, nel margine d’apertura lav. 3 (3) 4 occhielli (= intrecc. 2 m. e riaw. le m. nel f. seg.). Lav. il 1° occhiello a 12 cm (13 cm) 11 cm di alt. tot. e gli altri a 7 cm (8 cm) 7 cm di distanza l’uno dall’altro.

Maniche: avv. 56m. (60m) 60 m. con i f. n. 4,5 e lav. a p. coste 2/2 iniziando e terminando con 1 m. rov. A 5 cm di alt.tot. lav. 1 f. a rov. sul dir. del lav., poi pros. nuovamente a p. coste 2/2 e aum. ai lati 5 volte 1 m. ogni 6 f., 4 volte 1 m. ogni 4 f. (7 volte 1 m. ogni 6 f. 8 volte 1 m. ogni 4 f. = 74 m. (80 m.) 86 m. A 22 cm (25cm) 28 cm di alt. tot., per l’arrotondamento intrecc. ai lati ogni 2 f. 1 volta 4 m., 1 volta 3 m., 1 volta 2 m., 2 volte 3 m. (1 volta 4 m., 1 volta 3 m., 2 volte 2 m., 1 volta 3 m., 1 volta 4 m.) 1 volta 4 m., 1 volta 3 m., 2 volte 2 m., 2 volte 3 m., 1 volta 4 m. A 25 cm (29 cm) 33 cm di alt. tot. intrecc. le 44 m. rimaste.

Confezione e rifiniture: chiudere le spalle. Per il collo ripr. con i f. n. 4,5 104 m. (104 m.) 108 m. dallo scol­lo e lav. a p. coste 2/2 iniziando sul dir. del lav. con 1 m. a le­gaccio, 2 m. dir. Nel 6° f lav. a sinistra 1 occhiello (= intrecc. 2 m. e riaw. le m. nel f. seg.) all’interno di 5 m. dal margine. A 13 cm di alt. tot. intrecc. le m. Chiudere i fianchi e i sotto­manica. Montare le maniche. Attaccare i bottoni.

www.florencecashmereyarn.com



Tagged with
Comment

Prima di cominciare a lavorare a maglia

Prima di iniziare un lavoro a maglia è necessario preparare la lana e realizzare dei campioni di prova.

Raccogliete la lana in matasse, usando l’arcolaio. Se ne sei sprovvista, aiutati con due sedie, accostando gli schienali.

Lega la matassa in due o più punti con alcuni pezzetti di lana e mettila a bagno in acqua fredda, aggiungendo pochissimo detersivo per capi delicati. Sciacqua molto bene. Avvolgila in un asciugamano di spugna per eliminare l’acqua in eccesso. Mettila poi ad asciugare lontano da fonti di calore. Se la matassa è legata in vari punti, anzichè lavarla a mano, inseriscila in una federa e mettila in lavatrice (questo non vale per il cashmere). Seleziona un ciclo delicato e usa un detersivo idoneo. NON CENTRIFUGARE!

Quando la lana sarà completamente asciutta, rimettila sull’arcolaio o sugli schienali delle sedie e forma dei gomitoli. Avvolgi il filo delicatamente, senza tirare troppo, altrimenti perderà elasticità.

Prima di partire definitivamente con il lavoro, esegui delle prove con ferri di misura diversa. infatti non sempre un filato sottile richiede un numero piccolo di ferri; talvolta impiegando ferri più grandi si ottiene un effetto più morbido. Sulla fascetta dei filati è sempre consigliata una misura di ferri, ma solo lavorandoli è possibile capire quale tipo è più adatto.

Prepara un modello in carta. Man mano che procedi, confrontalo con il lavoro che stai eseguendo.

Procurati una borsa porta-lavoro oppure un cestino attrezzato con numerose tasche, dove riporre aghi, uncinetti, fili, forbici …

per evitare che la lana si sporchi o si ingarbugli, esistono in commercio anche dei contenitori di plastica, dotati di un foro nella parte alta, da cui fuoriesce il filo.

Annota su un blocchetto le fasi della lavorazione: numero di maglie avviate, aumenti, diminuzioni …

Alla prossima puntata …

Un Saluto

Federico Scatizzi

www.hircusfilati.com



Tagged with
Comment
Translate »