C2C Tecnica Base

La tecnica C2C (dall’inglese: corner to corner … da angolo ad angolo), come ho accennato nel mio post precedente, è una lavorazione all’uncinetto che consiste nell’iniziare da un angolo e finire in un altro angolo. Il lavoro procede, quindi, in diagonale, eseguendo quadratini composti da 3 catenelle e 3 maglie alte.

Con questo sistema si possono facilmente creare forme geometriche: quadrati, rettangoli, triangoli ecc. La lavorazione è molto piacevole e, una volta imparata la tecnica base, ci si può divertire creando manufatti sempre più complessi (vedi il programma pubblicato nel post precedente).

Oggi impareremo a realizzare un rettangolo, iniziando da un quadratino, proseguiremo in diagonale facendo gli aumenti. Dopo aver raggiunto la larghezza desiderata, continueremo con le diminuzioni, per concludere con l’ultimo quadratino.

Ecco un tutorial in pdf, lo potrai salvare, stampare e utilizzare tutte le volte che vuoi. Ricordati, però, che è protetto dai diritti d’autore, quindi non pubblicarlo da nessuna parte. Clicca qui per scaricarlo.

Spero che le immagini siano abbastanza chiare e che Tu sia riuscita/o ad imparare la tecnica base, realizzando un piccolo rettangolo.

Se, anziché seguire le immagini, preferisci un video tutorial, clicca qui, oppure visita la mia pagina facebook, l’ho pubblicato il 10 maggio 2020.

Ora sei in grado di creare piccoli accessori. Ti serve qualche idea? Ecco qualche suggerimento per mettere in pratica quello che hai appena imparato ed esercitarti nella tecnica.

1. Realizza una custodia per il tuo cellulare oppure tablet: basta realizzare un rettangolo, piegarlo a metà, cucire i due lati ed è fatto 🙂

2. Realizza una sciarpa, magari inserendo anche un filato o filati di diversi colori; le righe colorate in diagonale sono molto carine.

3. Prova a utilizzare filati sfumati, realizzando, per esempio, una copertina (anche per una bambola, perché no?). La lavorazione con filati sfumati è sorprendentemente piacevole.

Per oggi è tutto. Nella prossima lezione impareremo a progettare e realizzare motivi geometrici a patchwork.

A presto

Alicja Kwartnik

per Hircus Filati


Comment

How to work machine yarn by hand

The precious yarns intended for machine use, such as cashmere, yak, or camel, can also easily be used in hand knitting by working with multiple threads.

With a 500 gr cashmere cone of 2/28000 thickness which is usually used with a gauge 12 machine or double-threaded with a gauge 7-8 machine, you can actually experiment by hand-knitting with several threads.

Accessories, for instance, which are known for their low

yarn consumption, work particularly well; and you’ll find that with a 500 gr cashmere cone you can make a variety of accessories, depending on the ply.

You can make an accessory with yarn doubled, and another with the same yarn used in 4-, 5-, 6-, 8-,n- ply; in fact, you may create the thickness and the gauge you desire.

Here’s an example with mathematical solutions for you for both gauge and thickness.

In a 500 gr cone of yarn in 2/28000 thickness there are a good 7000 metres of yarn, so there’ll be 1400 metres in 100 gr. If I knit it double-ply, in 500 gr will be 3500 metres, and 700 in 100 gr.

If I knit the same yarn in 4-ply, length will be 1750 metres in 500 gr, 350 metres in 100 gr. And so on…

Obviously, when knitting, keep an eye out for loose threads and make sure the needle doesn’t get stuck in-between threads… but this won’t be a problem for expert knitters and designers.

The most tiring task is that of combing the plies of such fine yarn. But the good news is that from now we can divide the cone for you. We can’t combine the yarn for you in the desired number of threads, but we can send you the yarn in up to 5 pre-divided bundles. That means that a 500 gr distaff can be resized in either five 100 gr distaffs, or two 250 gr or in three 166 gr, or in four 125 gr cones. There’s no price supplement, you just need to make your request when ordering the yarn from our website.

In this way, if you feel confident enough, you may actually wind the threads of yarn directly form the cones.

As usual, we suggest you make a small sample, and wash it before you actually start working. In fact, the yarn on cones, particularly the one designed for machine use, hasn’t been washed (treated) as knitwear factories, that use it in great quantities, generally wash the finished item; more so, as it is actually preferred to use unwashed yarn with machines.

In the end the result in terms of hand, softness, smoothness and type of work will be the same as a thicker yarn for hand knitting

www.hircusfilati.com


Comment

Cosa è l’EcoCashmere

L’Ecocashmere è un filato realizzato da una azienda pratese nostra partner specializzata nel riciclaggio della maglia vecchia e delle fibre di cashmere.
Si tratta di un filato puro cashmere a basso impatto ambientale, realizzato interamente con cashmere rigenerato di alta qualità.

Utilizziamo solo avanzi e rimanenze di cashmere di filatura e maglia vecchia di cashmere rigenerata che altrimenti finirebbero in una discarica di rifiuti.

Questo offre molti vantaggi, dei quali i tre principali sono:
1- La qualità è la stessa dei filati realizzati con fiocco di cashmere tanto da mantenere la sofficità, morbidezza e la migliore qualità del filato stesso e dei capi che vengono realizzati.
2- Il prezzo del filato si abbassa di molto pur mantenendo le migliori caratteristiche, riducendo i costi di produzione e l’utilizzo di materiali grezzi
3- Si evita di gettare ai rifiuti la fibra inutilizzata a scapito dell’inquinamento ambientale. Quindi preserva l’ambiente riducendo la quantità di rifiuti prodotti
4- Supporta l’industria locale e incoraggia la creatività e l’innovazione
5- I materiali hanno una maggiore durata

Secondo l’Agenzia per la Protezione Ambientale circa 12,4 milioni di tonnellate di prodotti tessili sono stati rigenerati nel 2013. Si stima, per esempio, che l’americano medio butta via 68 chili di vestiti ogni anno. La moda riciclata significa ridurre la quantità di rifiuti associati con la tutela dell’ambiente e il risparmio di CO2 e di acqua.

Le fibre del cachemire, i vestiti che vengono gettati via ogni anno sono ancora utilizzabili e in ottime condizioni. Questo è il motivo per cui selezionare manualmente il meglio di loro e dopo l’ordinamento per qualità e colori li ricicliamo con una tecnica speciale.

Per darti l’opportunità di provare questo filato, abbiamo deciso di fare una vendita promozionale temporanea ad un prezzo molto speciale.
Inoltre acquistando questo tipo di filato aiuterai l’ambiente in due modi.
Il primo perchè è un filato a basso impatto ambientale, il secondo perchè una parte dell’incasso proveniente dalla vendita dei filati EcoCashmere verrà devoluto in beneficienza per aiutare organizzazioni Italiane.

Acquista cliccando qui

Un Saluto

Hircus Filati


Comment

How to calculate the right amount of cashmere yarn for any knitting project – Part IV: gloves, hats and socks

Recently I have posted lessons on how to estimate the right amount of yarn for different knitting projects. Namely:

Part I: General Information and one practical example

Part II: Scarves and shawls

Part III: Sweaters

Today I would like to conclude the subject by speaking about gloves, hats and socks.

I am sure that the same thing happens to all of us who work with knitting needles or crochet hooks: after a while our homes are full of  leftover wool and different yarns which aren’t enough to finish a new project. We dare not throw them out, but often don’t know what to do with them, and how to use them up.

A cashmere ball could be used to make a nice hat, but what if I start it and then find it isn’t enough? If you bought the yarn from Hircus Filati, you’ll know that it’s impossible to find the same one from the same dye. The yarns on sale come from stocks of some of the best spinning factories in Italy: in small batches and an ongoing turnover.

Real bargains: high quality for low prices.

To go back to the subject of today’s post: how can I know whether the amount of yarn I have at hand is enough is make some small accessory? First of all, my suggestion is whenever you buy yarn, take note of its thickness and the suggested needle size (can be found on the Hircus Filati website). Put together with a few metres of yarn or, even better, a small sample.

This will be very helpful when you want to use up your leftovers. All you’ll need to do is weigh the ball and calculate the length of the yarn.

For example:

the yarn I had originally bought weighed 500 gr and was 1750 mt long. I’m left with a ball that weighs 95 gr. I calculate it as follows:

(1750 m x 95 gr) : 500 = 332,5 m

Now, knowing the length in metres I can actually choose what kind of accessory to make. Remember that if you purchased the yarn in cones, you’ll need to treat it for care and use.

Following you’ll find the tables with the information about the length of yarn needed to make gloves, hats and socks. As I have already explained in my previous posts on the subject, bear in mind that the figures are approximate calculations based on stocking stitch. Depending on how you knit (tightly or loosely) and the type of stitches you use, you might need to adjust the quantities of yarn.

Gloves

Approximate number of stitches in a 10 cm stocking stitch samplehand width: 18 cmhand width: 19 cmhand width: 20,5 cmhand width: 21,5 cmhand width: 23 cm
20101 m120 m141 m161 m181 m
4143 m169 m199 m227 m256 m
28158 m186 m219 m250 m282 m
31173 m205 m241 m275 m310 m
5190 m225 m264 m302 m340 m

Hats

Approximate number of stitches in a 10 cm stocking stitch samplehead size 42 cm (0-6 months)head size  47 cm (6-18 months)head size  51 cm (18 months – 4 yrs)head size  53.5 cm adults Shead size  58.5 cm adults M-L
1661 m88 m114 m139 m170 m
2077 m112 m144 m175 m214 m
24109 m158 m203 m248 m303 m
28120 m174 m224 m273 m334 m
31132 m191 m246 m300 m367 m
35145 m210 m270 m330 m403 m

Socks

Approximate number of stitches in a 10 cm stocking stitch samplechild 2 – 8 yrslady’s S  lady’s M – Lmen’s S  men’s M – L  
2088 – 126 m172 m205 – 231 m255 m284 – 318 m
24124 – 179 m243 m290 – 327 m361 m401 – 450 m
28137 – 197 m268 m319 – 360 m397 m442 – 495 m
31150 – 216 m294 m351 – 395 m437 m486 – 545 m
35165 – 238 m323 m386 – 434 m480 m534 – 598 m

I am convinced that, even though it is very general, these estimates, can be a sound starting point to embark on knitting accessories as you have a rough idea of the amount of yarn needed.

needle sizeApproximate number of stitches in a 10 cm stocking stitch sample
2.25 – 3.2531 – 26
3.25 – 3.7525 – 28
3.75 – 4.528 – 20
4.5 – 5.520 – 16
5.5 – 815 – 12

I hope this information comes in handy to finish up your leftover yarn, whether cashmere or other exclusive wool bought at Hircus Filati. Please feel free to check my next post on combining different yarns.

See you soon,

Alicja Kwartnik

per Hircus Filati


Comment

Cashmere e C2C all’uncinetto

Hai letto il titolo e ti stai chiedendo che cosa significa questa strana sigla C2C.

Te lo spiego subito. C2C significa in inglese “corner to corner”, tradotto in italiano “da angolo ad angolo”. È un modo di lavorare all’uncinetto (volendo, anche ai ferri) che parte da un angolo e finisce in un altro angolo.

Devo dire che non sono particolarmente attratta da queste strane strutture linguistiche, ma la tecnica stessa mi ha conquistato completamente.

Dopo aver fatto un po’ di ricerche, dopo aver guardato diversi progetti e, ovviamente, dopo aver sperimentato la tecnica, ho creato un piccolo percorso in cui ho incluso quello che, secondo me, è il più valido ma anche molto divertente.

È così divertente che non riesco a smettere di fare nuovi progetti … quindi voglio condividere con te la mia esperienza.

Sperimentando la tecnica C2C, ho provato diversi tipi di filati e ho scoperto che questa tecnica è molto versatile ed il risultato è sempre bello.

Spinta dalla curiosità, ho anche provato con il cashmere. Ho scelto il cashmere fine, da macchina (titolo 2/28), lavorando prima con 1 capo, poi con 2 capi.

La lavorazione con qualsiasi filato non trattato (per approfondire l’argomento clicca qui) risulta meno bella, rispetto alla lavorazione con i filati già trattati, in compenso il prezzo è molto più basso. Tuttavia una volta lavato il capo, risplende in tutta la sua bellezza che solo il cashmere e filati pregiati possono avere. Diventa morbidissimo e talmente piacevole al tatto che non vorresti mai smettere di toccarlo :-).

La lavorazione con un capo solo è molto raffinata ma, ovviamente occorre più tempo. Lavorando con 2 capi (ho utilizzato l’uncinetto n. 1,40 mm) si ottiene il giusto spessore e il lavoro scorre più veloce. A te la scelta :-).

Ti invito a seguire il per-corso della tecnica C2C all’uncinetto che ho preparato, sarà sicuramente una bella esperienza che Ti permetterà di divertiti realizzando capi molto originali.

A presto

Alicja Kwartnik

per Hircus Filati.


Comment

Buona Pasqua 2020

Ricorderemo tutti la Pasqua del 2020. Sicuramente non sarà un ricordo pieno di gioia, comunque credo che qualcosa di buono abbiamo scoperto dentro di noi: la voglia di vivere e saper apprezzare ogni singolo momento della nostra vita, senza dare tanta importanza alle cose … senza importanza!

Tenere la mente e le mani impegnate aiuta, senz’altro, ad affrontare la situazione difficile in cui ci troviamo. Quindi … al lavoro!!!

Facciamo una graziosa paperina porta uovo. Il progetto originale è di Anjie Davison. Free pattern ed è stato pubblicato su Raverly https://www.ravelry.com/patterns/library/knitted-easter-chick (in inglese).

Io ti propongo il modello leggermente cambiato :-).

Ti serviranno: un po’ di filato giallo (se non ce l’hai, usa un altro colore :-), ferri numero 3 / 3,5, due perline per gli occhi e un piccolo pezzettino di feltro per il becco.

Iniziamo:

Avvia 24 maglie e lavora 1 ferro a diritto. Prosegui in questo modo:

ferro: 1 mm (maglia di margine) – 10 dir. – 1 aum. (aumento) – 2 dir. – 1 aum. – 10 dir. – 1 aum. – 1 dir. (tot. 28 maglie)

2° ferro e tutti i ferri pari: tutte le maglie a diritto

3° ferro: 1 mm – aum. – 12 dir. – aum. – 2 dir. – aum. – 12 dir. – aum. – 1 dir. (tot. 32 maglie)

5° ferro: 1 mm – aum. – 30 dir. – aum. – 1 dir. (tot. 34 maglie)

7° ferro: 1 mm – aum. – 32 dir. – aum. – 1 dir. (tot. 36 maglie)

9° ferro: 1 mm – aum. – 34 dir. – aum. – 1 dir. (tot. 38 maglie)

11° ferro: 1 mm – aum. – 36 dir. – aum. – 1 dir. (tot. 40 maglie)

13° ferro: 1 mm – aum. – 38 dir. – aum. – 1 dir. (tot. 42 maglie)

15° ferro: 1 mm – aum. – 40 dir. – aum. – 1 dir. (tot. 44 maglie)

17° ferro: 1 mm – aum. – 42 dir. – aum. – 1 dir. (tot. 46 maglie)

18° ferro: tutte le maglie a diritto

Lascia in sospeso le prime e le ultime 14 maglie da cucire insieme a punto maglia.

Lavora le 18 maglie centrali a legaccio (10 ferri).

Prosegui in questo modo:

29° ferro: 1 mm – *2 dir. ins. – 1 dir * – ripetere da * a * – 2 dir. ins. (tot. 12 maglie)

30° ferro: 12 dir.

31° ferro: *2 dir ins.* – ripeti da * a * altre 5 volte (tot. 6 maglie)

Passa il filo dentro le maglie e stringi.
Cuci il capo.
Con lo stesso filo cuci a punto maglia, i punti lasciati in sospeso.
Prosegui con la cucitura normale, lasciando l’apertura per poter inserire un uovo.
Riempi con l’ovatta la testa e la coda. Stringi il collo.
Cuci due perline per gli occhi e un pezzetino di feltro per il becco e divertiti a personalizzare la Tua paperina con nasti, un cappello all’uncinetto oppure un fuolard di stroffa :-).

Andrà tutto bene! Buona Pasqua

da

Alicja Kwartnik e Hircus Filati


Comment