Prima di iniziare un lavoro con i ferri o con l’uncinetto è sempre consigliabile realizzare un campione e lavarlo in lavatrice o a mano, dipendentemente dal tipo di filato usato.

Questo ti consente di sviluppare le misure contando le maglie e vedere la resa del filato.

Molte nostre clienti realizzano più di un campione, con varie misure di ferri o uncinetto ed anche con punti diversi, e lo lavano prima di procedere a realizzare il lavoro. Questo di consente di vedere la resa del filato lavorato in vari modi ed anche lavato in vari modi.

Soprattutto quando si tratta di filati in rocche o in matasse non trattate, realizzare più campioni con lo stesso filato e lavarli, magari in modi diversi, per esempio uno a mano ed uno in lavatrice, ti consente di ottenere risultati diversi, a volte anche molto diversi in base al tipo di filato, e scegliere secondo il tuo gusto quello che più ti soddisfa.

Infatti i filati in rocche o in matasse che non hanno subito nessun tipo di “trattamento” o lavaggio, in particolar modo i filati pregiati, di fibre delicate, come per esempio il cashmere, lo yak, o il cammello, rendono in modo più o meno diverso in base al tipo di lavorazione ed al modo di lavaggio che subiscono.

Per farti un semplice esempio un filato ritorto in puro cashmere lavato in lavatrice sarà più peloso rispetto allo stesso filato lavato a mano. Premetto che i filati pregiati, delicati, necessitano sempre di una certa cura nel lavaggio, puoi leggere alcuni consigli sul lavaggio del cashmere sul nostro sito web.

Il mio consiglio è, comunque, di realizzare SEMPRE il campione e lavarlo anche se si tratta di filato in gomitoli o in matassine già lavato. Sempre ed in qualunque caso, a meno che sia un filato che hai già lavorato e lavori già da tempo.

Molte volte, un po’ per mancanza di tempo, ed un po’ anche, diciamolo, per fatica, non realizziamo il campione e lavoriamo il filato direttamente senza realizzare il campione e LAVARLO. Lo considero SBAGLIATISSIMO. Il campione ci consente di rendere al massimo il filato ed il tipo di lavorazione che andremo a eseguire.

Per informazioni sulla metodologia di realizzazione del campione ti consiglio di leggere l’articolo (cliccando qui) molto dettagliato e molto ben spiegato scritto da Alice Twain.

Un altro consiglio è quello di scegliere prima il filato, ed in base al filato scelto decidere poi il modello da realizzare. Quasi sempre invece viene fatto il contrario, e spesso accade che non si riescono ad ottenere i risultati ottimali desiderati. I modelli che si trovano sulle riviste di maglia o di uncinetto vengono infatti realizzati in base al filato selezionato, e non il contrario. Quindi scegli prima il filato, realizza più campioni, con diversi numeri di ferri o uncinetto, lavali in modi diversi, e dopo aver scelto quello che più ti soddisfa, scegli il modello da realizzare. Prova una volta a seguire queste indicazioni, vedrai che differenza!!!

www.hircusfilati.com

Ti potrebbe piacere:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

"\t\t\t\t"
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: